Soffull – Everyone has changed place

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:

Primo pensiero: trapiantate i Motorpsycho ad Osimo (Ancona); sostituite alle estetiche boreali un’attitudine calda, “mediterranea”; contaminate il blues meno diretto e canonico con le trasmigrazioni di generi e influenze proprie più della scena alternativa eropea che di quella nostrana, e potrete figurarvi la musica dei Soffull.
Le canzoni sono a presa diretta, ben suonate ed arrangiate. Le evoluzioni mai scontate, gli strumenti ben dosati. Si vede che il progetto è al terzo capitolo, frutto della collaborazione della band con l’etichetta indipendente Anomolo.
Il disco scorre via dolcemente, cullando venature psichedeliche piegate al ritmo di un blues pieno di anima, anima anche forte che traspare nei momenti più accesi (Fourth Person Singular, BoogielOser). I momenti migliori del disco si raggiungono comunque quando l’aria si fa rarefatta, e le ottime melodie vocali creano un piccolo mondo intimo tra le orecchie ed il cuore, come nello swing gentile di “4 season of violence”, o nella splendida distruzione e despazializzazione di “Confusion”, che ricorda i primi e più puri Placebo “pre successo-commercializzazione”.
Secondo pensiero: cazzo, se questi venivano da Mancester o Trondheim magari erano in testa alle charts o il nuovo gingle della Puma [Rifelttere sulla nostra condizione di cittadini e musicisti italiani]. Non vi azzardate a chiamarlo demo o promo, ve lo vieto. Un cd di respiro europeo. Davvero difficile trovare qui da noi queste contaminazioni estetiche ed estasiche.
Alla fine dunque un gran bel disco, e le piccole cadute di tono (Let the thingdsuntold e la title track non sono all’altezza del resto) non inficiano niente. Nemmeno il cantato in inglese, che all’inizio mi aveva maldisposto (come al solito). Poi, saputo che trattavasi di una svolta stilistica, ho cercato di capirla e dopo un po’ tutto è sembrato naturale ed al posto giusto. Se poi si considera il fatto che questi ragazzi meritano ben altre platee, chi potrebbe biasimare la scelta di ripudiare l’italiano?