FAQ

Che cos’è Rocklab?

Un sito di critica musicale. Attento alle novità musicali italiane e straniere, dedito all’approfondimento più che alla notizia, con una spiccata sensibilità verso i nuovi media e ad una comunicazione più interattiva possibile. Oltre a questo, è un sito che crede e investe nella partecipazione degli utenti, degli ascoltatori di musica, degli appassionati alla realizzazione dei suoi contenuti. C’è un sacco di potenzialità là fuori e come dicono gli Afterhours: “perché tutto questo volere non diventa energia”? Ecco, noi vorremmo che diventasse energia, e che per giunta ci spazzasse via.

Perché ora fate anche i video?

Il video è il mezzo che meglio sfrutta le occasioni di internet stesso. Continuare a scrivere è importante, ma trovare il giusto mezzo di comunicazione per ogni contenuto lo è ancor di più. Come dicono gli accademici: i nuovi media non soppiantano quelli vecchi, ma li specializzano. Il libro non è affatto morto dopo l’invenzione della televisione e del computer, ha semplicemente ridefinito i suoi campi e il suo ruolo.

Che cos’è una Rocklabview?

Scrivendo da anni su un sito musicale, ci siamo resi conto che le recensioni dei concerti non sono abbastanza. Ci siamo chiesti cosa potevamo fare per innovare questa sezione e renderla più diretta. Ci siamo detti che forse era il caso di chiedere direttamente le opinioni al pubblico.
Riteniamo che l’opinione del pubblico crei una recensione dell’evento sicuramente più vitale e vibrante, e più vicina al mood della serata di quanto non possa fare un recensore singolo. Qui ci siete solo voi, e l’artista che si è esibito, a caldo, con il mood che lui e voi siete riusciti a creare insieme. Un concerto è questo ed è lì e allora: noi lo vogliamo documentare.
In parallelo alle rocklabviews anche una sezione di live reports in forma scritta, con una logica di approfondimento a sezioni: l’audio, la parte visiva, la setlist, la performance, ecc.. che possa rendere in maniera più dinamica, agile e divertente quello che effettivamente è successo e si è visto-sentito.

Che cos’è l’Orodiscopo?

la prima è quella di fare da filtro per i contenuti, un sistema di tag che organizza gli articoli attraverso questi innovativi 12 segni musicali . Ogni segno fa riferimento ad un tipo di attitudine / lifestyle / carattere dell’ascoltatore/o modalità di ascolto. In pratica cambia il punto di vista (mettendo al centro l’ascoltatore), e costituisce una valida alternativa alle logore etichette di generi musicali.