Recensioni

Brothers in Law – Raise

Brothers in Law – Raise

Con Raise i Brothers in Law hanno confermato e superato le qualità espresse nell’album d’esordio. Puntando su sonorità che lambiscono l’indie rock, il noise pop e l’elettronica: edificando un panorama ancora poco esplorato in Italia.

Ropoporose – Elephant Love

Ropoporose – Elephant Love

Riuscendo a conciliare istantanee sdolcinate con l’irregolare fascino di chitarre più incisive, seppur in modo acerbo e primordiale, la vivacità ritmica di Pauline (Popo) e del fratello Romain (Ro) rende Elephant Love un piacevole viaggio sonoro.

I Cani – Aurora

I Cani – Aurora

Innegabile il salto di qualità in termini di produzione. Come anche innegabile è il coraggio dell’autore di sganciarsi del tutto dallo stile, a metà fra il synth-pop casalingo e il punk, che l’ha portato al successo. Peccato che a latitare sia la materia narrativa.

Chairlift – Moth

Chairlift – Moth

Ora, senza girarci troppo intorno, il punto è che la frontwoman dei Chairlift è da sempre un concentrato di grazia, rigore, eleganza e sicurezza in una misura che altrove troviamo di rado. Le sue doti d’interprete sono il valore aggiunto alla scrittura dei Chairlift e il suo tocco discreto è il tratto che può differenziare una buona canzone pop da una canzone pop dei Chairlift.

Witchcraft – Nucleus

Witchcraft – Nucleus

Il nuovo episodio della saga Witchcraft ti inchioda alla partitura attraverso un delirio sabbatico danzereccio. Un disco non di facile ascolto, ma un lavoro di rara bellezza: proprio come certe albe incastonate come diamanti nella tempesta.

Panopticon – Autumn Eternal

Panopticon – Autumn Eternal

Panopticon è il capro espiatorio su cui soffermarsi a proposito del cambiamento concettuale di un genere musicale che è nato come manifesto di una ribellione, circoscritta a una particolare regione geografica, e che si è trasformato e ben adattato a manifesto di una più vasta e universale protesta collettiva.

Urali – Persona

Urali – Persona

Vi stupirete forse di sentire il bisogno di ascoltarlo molte volte di seguito, per godervi tutta la diversità di suoni e atmosfere delle 9 tracce di Persona: Immanuel, Frances, Hector, Catherine, ogni canzone per ogni persona realmente esistita che ha ispirato la scrittura dei testi.

Io e La Tigre – 10 e 9

Io e La Tigre – 10 e 9

Il tema è la scommessa, e questo disco lo è, a tutti gli effetti. Una scommessa sulla tenuta di un’idea musicale partita sull’onda del sentimento di due ragazze che si sono chiuse in una sala prove e hanno suonato quello che sentivano.

Charlie Hilton – Palana

Charlie Hilton – Palana

Uscito il 22 Gennaio per Captured Tracks – prodotto da Jacob Portrait (Unknown Mortal Orchestra) e con la partecipazione di Mac De Marco (100 Million) – Palana è una gradita metamorfosi artistica. Aspettiamo con impazienza di vedere compiersi la trasformazione, nel prossimo capitolo.