Posts Tagged 'giacca'

Domani parte il Lumen Festival!

Domani parte il Lumen Festival!

Lumen Festival giunge alla sua quinta edizione, migliorando ancora l’offerta e lo spettacolo con cui ha colorato le scorse estati, in una location magica, proprio nel cuore della città di Vicenza. Il festival si terrà infatti all’interno del Giardino Salvi, in centro a Vicenza, dal 21 al 25 giugno.

Vetrine di musica: si accende il centro storico di Cesena

Vetrine di musica: si accende il centro storico di Cesena

Vetrine di musica (anteprima de “I venerdì sera in centro”) è una serata in cui il centro di Cesena viene vissuto appieno: musica dal vivo nei locali a partire dalle 17, allestimenti costruiti ad hoc nelle vetrine degli spazi in disuso del centro storico, vetrine allestite a tema dai negozianti. Da piazza Guidazzi a piazza del Popolo un percorso ininterrotto di animazione per tutta la città. E il filo conduttore che unisce animazione e allestimenti è un espediente geografico: ogni zona del centro storico è identificata da una città del mondo, che ispira in maniera fortemente evocativa lo stile degli allestimenti e il genere musicale che anima le vetrine e i locali della specifica zona. La serata si chiuderà col concerto in piazza Almerici dei Tre Allegri Ragazzi Morti, storica band del panorama indipendente italiano.

Ani DiFranco – Binary

Ani DiFranco – Binary

Anche in questo “Binary” Ani DiFranco riesce a suscitare emozioni nascoste, quelle più semplici che solitamente teniamo chiuse dentro l’armadio. Riesce ad aprire le ante del nostro animo con uno stile diverso ma con la solita eleganza. La sua storia ci dice come da sempre sia considerata icona del femminismo musicale e da questo ultimo lavoro la sua reputazione ne esce rafforzata. In una visione gattopardesca della sua carriera potremmo dire: “ben venga se tutto cambia per rimanere com’è”.

Giovanni Succi: ecco il video di “Con Ghiaccio”

Giovanni Succi: ecco il video di “Con Ghiaccio”

Dopo circa trent’anni di carriera Giovanni Succi, voce e mente di Bachi da Pietra, La Morte e Madrigali Magri, torna alle origini, a quando si esibiva in solo con chitarra e voce a nome Succi. Si ripresenta con un brano/manifesto anomalo, un rap su base kraut rock, in cui l’artista astigiano si mette a nudo con orgoglio, leggerezza e disinvoltura. Una biografia in pillole, ma anche un comunicato d’intenti. Il messaggio chiaro di un uomo che calca i palchi da una vita e che ha la sua precisa visione del mondo e della musica.

Le Luci Della Centrale Elettrica: ecco il video di “A Forma Di Fulmine”

Le Luci Della Centrale Elettrica: ecco il video di “A Forma Di Fulmine”

La curiosità, la sorpresa, l’inciampo, la scoperta, la meraviglia: come ha scritto il regista Francesco Cabras, nelle sue note di regia: “una specie di videogioco analogico” di cui è protagonista l’attrice Daphne Scoccia, grande rivelazione dell’ultima stagione del cinema italiano con il film “Fiore”. Un volto il suo che: “ha il segreto di una bellezza sorgivamente candida ma difficilmente raggiungibile. Questo non per attitudine altezzosa o distanziante, il contrario, ma perché difesa da qualcosa di doloroso e vero.”

Andrea Laszlo De Simone – Uomo Donna

Andrea Laszlo De Simone – Uomo Donna

Chi è Laszlo De Simone? Me lo sono chiesto anche io. L’ultima volta che mi sono chiesta chi era qualcuno è stato quando ho visto suonare Iacopo Incani a un festival di musica dove ero andata per vedere i Verdena. Poi DIE è stato il mio disco di quella estate. Vi piacerà, non vi piacerà, non importa. Resta il fatto che è un disco che si impone all’attenzione perché si distingue nettamente da tutta la nuova produzione italiana indipendente degli ultimi mesi, prendendone volutamente le distanze, con un’operazione anacronistica, che più che nostalgica sembra di sfida e di ricerca.

Michael Gira – Drainland

Michael Gira – Drainland

Cercare una via d’uscita alla fine di un tunnel claustrofobico; scacciare le insidie più profonde e oscure della vita: è questo in sostanza il sentimento che pervade, a partire dall’artwork, Drainland, l’esordio solista di Michael Gira datato 1995 e da poco ristampato e rimasterizzato da Doug Henderson a Berlino, via Young God Records/Mute, assieme a The Great Annihilator degli Swans.