Posts Tagged 'truce'

Vivienne The Witch – Shadowbox

Vivienne The Witch – Shadowbox

Una passione, quella per il trittico: Hole, Babes In Toyland, L7, indissolubile. Qualcosa che permea totalmente questo Shadowbox, che si tinge talvolta imprevedibilmente di echi à la Alice In Chains — A Sparkling Explosion / Time — e Nirvana — Black Dog —, adoperando un canovaccio di matrice segnatamente più Pop.

The Hateful Eight di Quentin Tarantino

The Hateful Eight di Quentin Tarantino

Per questo Tarantino in evoluzione, la regolamentazione scompaginata di un genere e dei suoi stilemi, la ripartizione del territorio del mito, la distinzione dei ruoli archetipici del Vecchio West diventa sempre più occasione di ritrattazione sulla Storia, di riqualificazione anti-ideologica del progresso americano

Ty Segall – Emotional Mugger

Ty Segall – Emotional Mugger

Tanto bravo e fulminante con i Fuzz — l’Ultimo “II” del 2015 è andato dritto nella mia playlist di fine anno — quanto inutile, scontato e noioso nelle sue produzioni da solista. Un consiglio potrebbe essere quello di sedare questa bulimia compositiva, allungando i tempi d’uscita. Da evitare con cura.

Slipknot Unmasked

Slipknot Unmasked

La band infatti sarà protagonista del nuovo episodio del programma in onda sulla BBC Artsnight. La puntata, neanche a parlarne, sarà incentrata sulle motivazioni che spingono certi gruppi ad indossare maschere.

Ultime dai Palchi – gennaio 2016

Ultime dai Palchi – gennaio 2016

Rocklab ha iniziato questo 2016 alla grande con la chitarra di Adriano Viterbini, per continuare con Subsonica, Carmen Consoli, Talco, Fast Animals and Slow Kids, Appino, Etruschi from Lakota, Erica Mou e la serata organizzata dal collettivo torinese Turin is not dead. Rivivete queste gallery con noi e non dimenticatevi di scaricare i nostri wallpaper di febbraio 2016!

Witchcraft – Nucleus

Witchcraft – Nucleus

Il nuovo episodio della saga Witchcraft ti inchioda alla partitura attraverso un delirio sabbatico danzereccio. Un disco non di facile ascolto, ma un lavoro di rara bellezza: proprio come certe albe incastonate come diamanti nella tempesta.

Panopticon – Autumn Eternal

Panopticon – Autumn Eternal

Panopticon è il capro espiatorio su cui soffermarsi a proposito del cambiamento concettuale di un genere musicale che è nato come manifesto di una ribellione, circoscritta a una particolare regione geografica, e che si è trasformato e ben adattato a manifesto di una più vasta e universale protesta collettiva.