Posts Tagged 'truce'

Across The Movies: ecco “Gimme Danger” di Jim Jarmusch

Across The Movies: ecco “Gimme Danger” di Jim Jarmusch

Jim Jarmusch con Gimme Danger compie un vero e proprio atto d’amore che ci porta dentro l’epica storia di una delle band che hanno rivoluzionato la storia del rock, Iggy And The Stooges. Gimme Danger dà completamente spazio alla musica e ci mostra senza censura un gruppo di giovani che crebbero insieme all’insegna della rottura degli schemi. Iggy l’iguana e gli Stooges, “i fantocci”; ma anche la nascita del punk, il Michigan degli anni ’60, i movimenti per i diritti civili, la droga, l’ascesa, la caduta e la rinascita del gruppo che è stato il punto di riferimento del punk americano dagli anni ’70 in poi.

One Dimensional Man: ecco le date del nuovo tour.

One Dimensional Man: ecco le date del nuovo tour.

Il gruppo è chiuso in sala prove a suonare soltanto canzoni nuove di zecca, ricercando di rinnovare il sound nel segno di un rock più intransigente che mai. Il tour che si apprestano ad affrontare, proporrà proprio queste nuove canzoni, non ancora pubblicate su disco, ma che saranno protagoniste fin da subito del repertorio dal vivo. Sarà un repertorio che vuole ripercorrere le tappe artistiche più significative della storia della band, introducendo però una decina di pezzi che diverranno presto il nuovo sforzo full-lenght di una delle band più arrabbiate e violente della storia recente del rock italiano.

Martingala – Ilenia Volpe @Defrag (RM) 10/02/17

Martingala – Ilenia Volpe @Defrag (RM) 10/02/17

Notte romana, dalle parti del Tufello. Un locale, il Defrag. Due nomi sulla locandina: Martingala e Ilenia Volpe. Due stili tanto diversi quanto simili nell’esigenza di ri-esplorare il passato. Un passato che per i Martingala può affacciarsi come un barbuto ragazzo hippie da una finestra degli anni ’70. E che invece per Ilenia Volpe può somigliare a qualcosa di molto simile al punk, e al grunge. E diciamo molto per dire molto. Serata strana, davvero.

Ty Segall – Ty Segall

Ty Segall – Ty Segall

Che personaggio Ty Segall. In meno di dieci anni (il primo disco omonimo è del 2008) ha composto 9 album (con una media di un disco l’anno) senza considerare le innumerevoli collaborazioni e progetti paralleli. Ty è innanzitutto un grande appassionato di musica; infatti, in una recente intervista ha affermato di vivere esclusivamente per la musica, e che se solo potesse, suonerebbe in qualsiasi momento della giornata. Giusto per rendervi l’idea.

Touché Amoré @Covo Club, 10 Febbraio 2017

Touché Amoré @Covo Club, 10 Febbraio 2017

Il dolore col sorriso. La consapevolezza diremmo. Perché se già con il terzo lavoro (“Is Survived By”, 2013) il combo losangelino aveva incrementato la propria cifra artistica, nonché il proprio pubblico, l’arrivo di “Stage Four” (2016) sotto Epitaph, li ha definitivamente elevati a band di riferimento assoluto. Il dolore di cui sopra viene scatenato dalla scomparsa di Sandy, madre del frontman Jeremy Bolm nel 2014, una rottura che determinerà buona parte delle tematiche incluse nel nuovo lavoro: senza che per questo vengano smarrite le linee portanti di un suono figlio della tradizione di genere.

Iron Reagan – Crossover Ministry

Iron Reagan – Crossover Ministry

Oggi, con il terzo “Crossover Minisrty” gli Iron Reagan ci servono il frutto proibito. 18 tracce in 30 minuti che mettono a sedere tutta la scena mediante uno sfoggio (da bignami) impressionante di connubio stilistico. L’assunto tematico legato ad una necessaria evasione nichilista da un mondo alla deriva – che vede Donald Trump ai comandi dello schiacciasassi –, è la benzina con cui incendiare un canovaccio d’intuizioni incastonate ad hoc dai nostri.

I Giardini di Chernobyl + Psicosi di Massa + Forgotten Dust @Defrag, Roma – 27 gennaio 2017

I Giardini di Chernobyl + Psicosi di Massa + Forgotten Dust @Defrag, Roma – 27 gennaio 2017

Non di solo Indie Pop vive l’uomo, anche se a guardare la scena musicale italiana sembra che oggi ci sia una netta predominanza del genere. Noi di Rocklab amiamo scrutare l’underground italico sotto diversi punti di vista, indagare le diverse sfaccettature del suono, puntando anche a una più ampia visione sonora, lambendo spesso territori anche più “estremi”. Con questo animo, da tempesta e assalto, ci siamo avvicinati alla serata del 27 gennaio che ha visto avvicendarsi sul palco del Defrag di Roma: Forgotten Dust, Psicosi di Massa e I Giardini di Chernobyl.

Dead Witches: ecco il video di “Drawing Down the Moon”

Dead Witches: ecco il video di “Drawing Down the Moon”

Dei Dead Witches fanno parte, il batterista Mark Greening (Electric Wizard, With The Dead), la nostra Virginia Monti (Psychedelic Witchcraft) alla voce, il chitarrista Greg Elk ed il bassista Carl Geary. Vi abbiamo recentemente parlato del loro splendido Ouija uscito per Heavy Psych Sound, ed oggi vi proponiamo del primo estratto video del nuovo lavoro: “Drawing Down the Moon”. Il video è stato prodotto e diretto dalla band in compagnia di William J. Wallace e Josh Jones.

The Clamps – Blend, Shake, Swallow

The Clamps – Blend, Shake, Swallow

Immaginate la colonna perfetta per un viaggio alcolico in direzione Sjock Festival, e ci sarete molto vicini. Il tempo di aprire con un’intro acustica in salsa Stoner (“Barracuda”) e siamo già sul pezzo. “Liar” si presenta dapprima alla maniera dei Turbonegro, per stabilizzarsi sulle tonalità del sopracitato Supershitty To The Max! Lo stereo della macchina già frigge. Le teste si muovono dall’alto verso il basso, birra in mano, il resto lo fa l’adrenalina. C’è lo spirito di Lemmy Kilmister in “Must Destroy” e “Get Ready” mentre bisbiglia nell’orecchio le cose più sconce a Ruyter Suys (Nashville Pussy) beccandosi un rutto come risposta. Potenza Hard che incontra il Punk mentre il Blues li osserva sornioni: quello che volevate. Adesso l’avete.