Posts Tagged 'barba'

Ufomammut – 8

Ufomammut – 8

Una colonna sonora per il passaggio meditativo fra la terra e il cielo; la messa in musica di uno stato di trance che abbandona il tangibile per raggiungere l’invisibile e viceversa, in un vortice senza fine. Gorgo creativo di sonorità esotiche (allungate all’infinito) che incontra mondi e culture estranee, condensandosi in questo paradosso di comunicazione. Sonorità extraterrestri filtrate da secoli di civiltà antiche e tradotte in 8 maledette tracce.

Lee Ranaldo – Electric Trim

Lee Ranaldo – Electric Trim

Ma se in Electric Trim pare già abbastanza lontano il Ranaldo chitarrista dei Sonic Youth, sembra addirittura siderale la distanza dagli sperimentalismi oltranzisti compiuti  in solitaria trenta anni fa. Eppure sono proprio alcuni impalpabili rimandi ad un “passato – bandiera” che ci fanno leggere anche Electric Trim con qualche grado di serenità in più.

Four By Art – Inner Sounds

Four By Art – Inner Sounds

Il gruppo, riprende il discorso interrotto negli anni 80, inebriando le nostre orecchie con una nuova uscita che, partendo da loro sound originario di chiara origine sixties, si evolve introducendo elementi Funky (si ascolti ad esempio la bellissima cover dei New Trolls “Allora mi ricordo”) e chiari riferimenti beatlesiani nella conclusiva “Say something”: confrontandosi anche con il repertorio della grande band californiana Three O Clock, (“Sorry”) attiva anch’essa intorno alla metà degli anni 80.

Filthy Friends – Invitation

Filthy Friends – Invitation

Tra ritmi serrati e sudore, senza disdegnare delicatezze melodiche, il disco scorre veloce. Idea di supergruppo a parte, Invitation è un prodotto onesto e sincero, elaborato con classe, che vive anche dell’entusiasmo e della passione dei suoi stessi protagonisti: con una occhio rivolto al passato ed uno al futuro.

Ringo Starr – Give More Love

Ringo Starr – Give More Love

Così “Shake it up”, “King of the Kingdom” e “We’re on the road again” hanno quei ritornelli che si fermano qualche minuto nella testa, salutano con un sorriso e gentilmente se ne vanno. Definire la poetica di Ringo Starr non è semplice: ricordiamo gli stessi Beatles, nelle frequenti interviste degli anni sessanta, definivano il batterista in questo modo :”Ringo is Ringo”. Parole nelle quali c’è tutto: una personalità talmente semplice e lineare da risultare forse la più forte. Colui che si mette al timone/batteria per giungere alla terraferma.

Ty Segall: ascolta il nuovo singolo “Alta”

Ty Segall: ascolta il nuovo singolo “Alta”

Ty Segall è inarrestabile. Nel 2017 ha dato alle stampe un Lp, un “7 intitolato “Sentimental Goblin”, l’Ep “Fried Shallots”, ha girato in lungo e in largo l’America in tour ed è apparso in Tv con le sembianze di uno scoiattolo. Come se non bastasse, oggi ci propone un nuovo singolo intitolato “Alta”, registrato nello studio di Steve Albini.