Crisedelia – Crisedelia

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)

I Crisedelia provengono da Viterbo e suonano come se si trovassero a Seattle; si esibiscono nel ventunesimo secolo, ma è come se fossero ancora immersi in un eterno 1991. Per chi non l’avesse ancora capito, i Crisedelia propongono grunge, senza tanti fronzoli e compromessi.
Tre pezzi compongono quest’autoproduzione completamente cantata in italiano, e benché i limiti siano evidenti (registrazione approssimativa, ancora alcune derivatività sonore) la carica esplosiva di questo demo è quantomeno brillante. Unendo l’aggressività del punk e la disillusione del grunge (e non disegnando riferimenti all’hardcore e all’indie) ad una buona tecnica strumentale, Massimo, Valentina e Nicola, rispettivamente voce/chitarra, basso e batteria, inanellano tre veloci e sporchissime tracce che si fanno valere per genuinità e cattiveria: se proprio volessimo trovare un appunto sarebbe la voce di Massimo, troppo legata al tipico latrato grunge che per sguaiatezza ricorda quella di Alberto dei Verdena e che rischia di banalizzare le tracce. Sarei davvero curioso di sentir parlare di nuovo di loro, magari su un full lenght; le idee ci sono, ora sta tutto nello svilupparle nella maniera migliore.

Contatti:
crisedelia@yahoo.it