Gypsophile – Assunta

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)

Non foss’altro che il clima è impazzito e che Milano, pur non rammentando ancora Acapulco, si specchia beata nel sole, vi diremmo che questo disco è la miglior colonna sonora che un inverno possa mai avere a commento della neve che cade lenta e soffice e tutto imbianca. E se è vero che quest’uomo è stato costretto a costruirsi un’etichetta in casa (Lenka Lente) dopo anni di pubblicazioni di prim’ordine, dev’esserci qualcosa di bacato e delirante anche nelle scelte discografiche delle labels di mezza Europa. Gypsophile non è altri che Guillaume Belhomme, autore sulla scena oramai da quasi dodici anni e giunto qui al settimo episodio da solista, in una carriera che non ha lesinato sorprese e mostrato una sensibile progressione stilistica dagli esordi in salsa elegantemente indiepop, alle interferenze bossa/jazz dei dischi di mezzo, al fascinoso e languido cantautorato d’oltralpe nel quale si dimostra oggi assoluto fuoriclasse. Un approccio agli strumenti deliziosamente minimale, accordi di chitarra sparsi e quella sua voce pensosa ed introversa a descrivere paesaggi dell’anima, aiutata da un clarone che brulica sullo sfondo, sottili lamine sintetiche e percussioni, oltre ai controcanti della sirena Marine Livernette a spezzare l’atmosfera rendendola meno grave. Due minuti e mezzo, tre e via con un’altra foto ingiallita dal tempo e consumata dai (rim)pianti, arduo andare a scovare un brano che incida più degli altri tanto è alta l’asticella emotiva e pregnante il tocco autoriale di Guillaume. Non una nota fuori posta, non una canzone che non si lasci rimpiangere una volta restituita al silenzio. Qualcosa dei grandi vecchi Brassens e Gainsbourg, perché no, le poche parole pronunciate con infinito significato, elegie come quelle vergate da Judee Sill o dai migliori L’Altra, ma una personalità solida come la roccia e canzoni destinate a lasciare un segno profondo in chi sarà tanto paziente da lasciarsi spogliare l’anima. Per gli occhi pesti di chi ha passato la notte solo con i propri pensieri l’aurora verde sarà ancora più accecante.