Nomber 5s – Don't Cry Baby It's Only A Demo

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:

Quindici tracce in ventuno minuti, tanto per mettere in chiaro le proprie intenzioni. Quelle di filar dritto e azzannare al collo la melodia senza troppi fronzoli, inscenando un teatrino delle marionette power pop godibile e quasi sempre ispirato. Basso, chitarra, voce “perdente” e batteria, questi Nomber 5s nascono da una costola dei carneadi Hiawata! e sono battezzati dalla fantomatica etichetta norvegese Bolibompa Records (che pare tragga il proprio nome da una serie tv per bambini della tv svedese e stampa cd in spartana confezione di cartoncino ricamati a vernice spray). Se i bozzoli di melodia alla Television Personalities vi hanno avviluppato soffocandovi l’anima e ancora non vi siete rassegnati alla prematura scomparsa dei Pavement qui troverete solo altri motivi per continuare a lagnarvene; una tale genialità non alligna certo in queste lande, ma l’EP in esame vi riempirà la stanza di bollicine colorate leggermente alcooliche e stelle filanti, non dovesse bastarvi il cocente sole primaverile. Un minuto, un minuto e mezzo al massimo, rapidi come in una sosta ai box da F1 e via, giusto il tempo di rimpiangere quel riff appena abbozzato. Quando alle sgangheratezze lo-fi di “P got friends” e “Lately” si affiancano i fantasmi di Arthur Lee come in “You Know” o spore New Pornographers (vedi “Back to September”…) e si conclude con un “pastiche” vagamente Barrettiano come “Woods”, ci si lecca i baffi e risulta difficile trattenere l’entusiasmo. La distribuzione condominiale non li aiuterà di certo ad arrivare a voi, cari lettori, ma se avete voglia di fare una gradevole scoperta allora accomodatevi su quella poltrona sfondata lì all’angolo e buon ascolto.

(se proprio non volete comprare il disco, i brani sono tutti scaricabili gratuitamente dal sito dell’etichetta)
http://www.bolibomparecords.com/)