El-P + Killer Mike – Run the Jewels

Acquista: Voto: (da 1 a 5)

Per come ci hanno insegnato, e per come abbiamo letto sui libri, il rap nasce da un’urgenza comunicativa; e l’immagine poetico-folcloristica di frange illuminate di eroi e guerriglieri e martiri suburbani, che smettono di spararsi addosso, per esorcizzare il loro malessere nella sacralità gioviale di canti e danze collettive primordiali nei sobborghi post-apocalittici dei tardi anni Settanta, ha affascinato generazioni intere di noi altri fortunelli in cerca di emozioni. Oggi, fa male al cuore (o ci riempie di speranza, dipende) osservare come i resti di quella comunità creativa così vitale si spartiscano fette di establishment, mentre guardano il basket e scopano le donne su cui ci seghiamo. La cosa strana non è che il rap si sia trasformato così tante volte e abbia attraversato così tante fasi, perché, a ben vedere, possiamo ritrovare una certa coerenza (interna al contesto stesso in cui si sviluppa), in questa parabola che dalla polvere arriva fino ai privè: la danza comunitario-liberatoria dei primi block party, per strada, e gli inni nichilisti del gangsta rap, e la ripetuta, violenta ostentazione della ricchezza, di base, sono tutte facce di un unico modello (sub)culturale; è strano, piuttosto, come, da un certo punto in poi, l’intero fenomeno, semplicemente, abbia smesso di viaggiare sui binari che aveva seguito per tre decenni.

Non che il rap non esista più, e, anzi, oggi sta vivendo una reale, terza età dell’oro, dopo la prima, devastante ondata, e quella, definitiva, dei Novanta; però il rap non ha quasi più a che vedere con una comunità, con un’urgenza, con la voglia di emergere e con altre cose da poveri: oggi il rap si ritrova metabolizzato e parte di quel calderone popolare e citazionista che è il panorama post-musicale del nuovo decennio. Così, i binari diversi sui cui viaggia e si sviluppa il nuovo rap, non sono i block party, non sono i mixtape nei bagagliai, non sono le radio: ahinoi, sono i fighetti di Pitchfork e Noisey, che spingono il rap coi coglioni più grossi che possiate trovare, e poi etichette seminali dell’alt-rap, come Stones Throw e Definitive Jux, che continuano a fare il loro lavoro per benino. Comunque, El-P e Killer Mike hanno fatto un disco insieme, che è in free download.

[schema type=”review” name=”El-P + Killer Mike – Run the Jewels” author=”Eugenio Lostumbo” user_review=”5″ min_review=”1″ max_review=”5″ ]