The Sisters of Mercy – Some girls wander by Mistake – 80-83

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:

Quella che sto per recensirvi è una raccolta uscita nel 1992, ma non storcete il naso per favore: questa raccolta dei Sisters of Mercy è un pezzo imprescindibile della loro discografia, a meno che siate fra i fortunati possessori delle edizioni anni ’80 dei loro EP degli esordi, tutti usciti in ambito underground e rigorosamente in vinile.
Tutti e sei gli EP del periodo 1980-83 sono racchiusi in questa succulenta raccolta: “The damage done”, “Body Electric”, “Anaconda”, “Alice”, “The Reptile House” e “Temple of Love”. Complessivamente abbiamo diciannove pezzi nonostante tutto assai noti che faranno la gioia di tutti gli amanti del dark anni ’80 e del combo di Sir Andrew Eldritch, uno più bello dell’altro. Le ballabilissime “Alice”, “Body Electric” e “Anaconda”, l’oscura e sinistra “Floorshow” col suo inquietante seguito strumentale “Phantom”; le rockeggianti cover “1969” (by Iggy and the Stooges) e “Gimme Shelter” (con un Eldritch carismatico e ammaliante quanto Mick Jagger). Ma non finisce qui ovviamente, abbiamo il trittico terribilmente inquietante “Kiss the Carpet” – “Lights” – “Valentine”, tre canzoni maledettamente notturne, la punkeggiante “Adrenochrome” e ancora il cult “Temple of Love”, forse il pezzo più noto della band inglese, ballato nei gothic club di mezzo mondo e adorato da ogni band dark che si rispetti.
“Some Girls…” è un album che mette decisamente tanta carne al fuoco, una di quelle poche raccolte assolutamente indispensabile, dato che contiene materiale ormai assolutamente irreperibile su CD, mentre se non erro si dovrebbe riuscire ancora a trovare qualche ristampa di inizio anni ’90 dei singoli EP. Il sound dei vari pezzi è abbastanza grezzo ma godibilissimo, capace di dare a queste splendide canzoni un’atmosfera affascinante e notturna.
Insomma, si tratta una piccola Bibbia per gli appassionati dei Sisters ma anche per chi volesse iniziare a conoscere questa storica band o il mondo del dark, sicuramente è una delle migliori introduzioni disponibili.
Un must assoluto.