Artemoltobuffa – Stanotte|Stamattina

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:

L’importanza della semplicità è qualcosa che non tutti riescono a cogliere in questo periodo, forse perchè alla ricerca di stilismi stupefacenti o di argomenti astrusi e difficili. Ed è proprio per questo che c’è bisogno di suoni pop immediati e genuini come quelli di Alberto Muffato, in arte e anagramma Artemoltobuffa. Dopo “Nel Bambù” e dopo lo split con i Carpacho esce per la piccola ma curata Aiuola dischi “Stanotte|Stamattina”, undici tracce di cantautorato sghembo e ironico.
Canzoni a bassa fedeltà che, come nella migliore tradizione lo-fi, si rifanno a realtà come gli evergreen Pavement, gli Sparklehorse o i Low, testi che in realtà sono semplici filastrocche fischiettabili, divertenti e difficilmente banali cantati da una voce spensierata e allegra, capace di strappare un sorriso con un niente. Ci sono i momenti più pop un po’ alla Belle and Sebastian più scarni come “Stanotte/Stamattina”, cronaca surreale di un sogno e di un amore, oppure situazioni più cantautorali come “Pomeriggio d’asma”, fatta di chitarre acustiche e di brezza estiva.
Alberto fa la parte del giovane cantastorie attento ai particolari, raccontando di relazioni giunte ormai alla fine (“La scena patetica”) e di lettere intime senza risposta (“Lacrime a biro”), oppure la parte del poeta ermetico come in “Muratori sul tetto” e in “I tuoi denti bianchi”, ruolo che, però, non gli riesce appieno, facendo risultare questi due brani sottotono rispetto al resto del lavoro.
Canzoni deliziosamente pop sono la stralunata “In canale: intrico d’alghe” e la surreale “C.E. Gadda e l’estate”, un pò Malkmus più allegro, un pò Perturbazione (sopratutto nel cantato che si avvicina molto a quello di Gigi). Piccola perla è la deliziosa “Scarpe nuove”, di una dolcezza sconvolgente mista a una freschezza e un’ingenuità che in Italia abbiamo visto solamente in gruppi come i Pecksniff.
“Stanotte|Stamattina” è il pop semplice di cui si ha bisogno per staccare la spina e sorridere.
Alberto Muffato è fantasioso, capace di trasformarsi ogni volta per non cadere nel banale, un ragazzo che sicuramente ha trovato la buona strada per creare qualcosa di nuovo e che sarà capace di stupirci anche in futuro con la sua freschezza, i suoi mostri blu e le sue personalissime parole.