Cartavetro – Bruxia

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:

Dopo sei anni passati a ritagliarsi uno spazio nell’underground genovese, i Cartavetro danno alle stampe un primo album. Questo “Bruxia” viene regalato, però, a chi vuole ascoltarlo attraverso la diffusione gratuita in rete. Secondo me un’ottima iniziativa. L’inizio del disco è di quelli col botto, le complicate trame sonore di “GRMX” sono davvero notevoli e vanno a formare un brano complicato e dall’impatto incredibile. Nel disco abbiamo anche altri episodi molto piacevoli come la stramba “Lord desir” che ricorda il post-punk più scarno o nei sette minuti rock di “Roskilde”. Devo dire che in certe canzoni l’impostazione vocale non è proprio perfetta e arranca un po’ a seguire la musica, ma in altre la particolarissima ugola di Cesare è perfetta nell’accompagnarsi alle note. Particolarità che rende questo disco un ottimo prodotto è il travolgente uso dei suoni: gli effetti diventano veri e propri strumenti nelle mani e sotto i piedi dei Cartavetro, a dimostrazione di un’ottima personalità musicale che i ragazzi genovesi mettono al servizio di un cd fresco, grintoso e piacevole. Il disco è scaricabile gratuitamente da www.anomolo.com.