James Figurine – Mistake Mistake Mistake Mistake

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)

È divertente seguire la moltitudine di cambiamenti a cui è soggetta da sempre la produzione musicale di Jimmy Tamborello, praticamente è come seguire i cambiamenti di colore di un camaleonte delle note liberato in un coloratissimo bosco. Così succede che dopo i Postal Service e i Lali Puna, dopo Dntel e decine di collaborazioni arriva quest’ennesima incarnazione a nome James Figurine che si concretizza nel nuovo ‘Mistake mistake mistake mistake’. Come sempre abbiamo a che fare con elettronica semplice e minimale, più vicina a Dntel che alle esperienze in gruppo, ma nonostante sia un ammiratore del nostro istrionico musicista ormai da parecchio, devo ammettere che a questo giro il tiro manca la rete, anche se l’immagine giusta sarebbe una cannonata sulla traversa che fa comunque sussultare e applaudire i tifosi. Tra glitch-pop e sonorità morbide le tracce del disco scorrono fin troppo velocemente, con picchi come l’iniziale “5556668883” e il singolo “Apologies” (episodio più techno del cd), ma nonostante questo abbiamo a che fare con un album molto carino che non riesce a lasciare il segno nelle orecchie. In definitiva un disco che riesce ad essere gradevole, ma che non spicca il volo come altre mutazioni di questo formidabile artista che ha abituato l’ascoltatore a materiale di livello molto più alto.