The John-Pauls – S/t

Acquista: Voto: (da 1 a 5)

Uno degli ultimi capitoli della Aagoo records narra le vicende di “The John-Pauls”, dal profondo sud degli U.S.A. Da quella Austin invidiata da tutti. Phillip Niemeyer, Mark Fagan e Mikila Zaorski sono veterani del suono; dopo le esperienze con diverse band, hanno deciso di fondere le loro passioni in un 7” d’esordio, omonimo, consapevole ed essenziale.

The John-Pauls è un estratto di post-punk che strizza l’occhio al passato – dal cuore dissonante dei Velvet Underground alla vena meno oscura di Pavement e Sonic Youth – nonostante ciò vige uno stato di indiscutibile equilibrio e coerenza tra derive elettriche e spontaneità. Quattro canzoni scritte da Phillip Niemeyer, brevi e dirette, parole senza tempo come fiabe per adulti. “Island of Landes” apre il disco con grinta, un brano dal sapore vandalico ma composto. Sulle note di “We should be armed” e “Let’s burn down westlake” gli animi si placano a favore di atmosfere più pop e incursioni di pianoforti, fino alla ballata finale di “Sweeden” guidata dalla voce di Mikila.

Il suono dei “The John-Pauls” non verrà certo custodito tra le nuove scoperte scientifiche ma sarà un ottimo passepartout per gli amanti del post-punk, per i più nostalgici sarà come sfogliare l’album dei ricordi e diventerà al contempo un ottimo punto di partenza per i nuovi adepti del genere.