Il Teatro degli Orrori @ Sonar Live (Colle Val d’Elsa, SI) – 05 marzo 2016

Un Teatro degli Orrori forte e intenso quello di sabato sera al Sonar Live di Colle Val d’Elsa.

Un live ricco, due ore di vero spettacolo fra rock duro e momenti di riflessione sottolineati attraverso la voce e le parole di un Capovilla carico e impegnato; confermatosi grande interprete odierno.

Le chitarre di Gionata Mirai e Marcello Battelli, il basso di Giulio Ragno Favero, la batteria di Francesco Valente e le tastiere di Kole Laca, sono l’amalgama esplosiva, tra adrenalina, emozioni e anche lacrime del pubblico.

Il Teatro apre con “Disinteressati e indifferenti”, per proseguire in un crescendo con “La paura”, “Cazzotti e suppliche”, “Benzodiazepina”. Tra gli altri brani “Lavorare Stanca” e “Genova” – per non dimenticare la violazione dello stato di diritto ad opera di una vera e propria violenza militare.

In chiusura la toccante “Slint” e il suo sottilissimo raggio di luce, gettano quello spiraglio vitale necessario per sperare ancora nell’umana progenie. Capovilla non si è risparmiato, fra stage diving e riflessioni, la band ha picchiato durissimo e  “L’amore non si pretende, non è un diritto. L’amore è un dono”.

12660310_10208596264526896_248148139_n

About Romina Zago

Romina Zago, classe 1981, toscana. La sua passione per la fotografia non ha età, essendo nata e cresciuta in mezzo a macchine fotografiche di ogni tipo grazie al padre che le ha trasmesso la passione di guardare il mondo da un obiettivo. Appassionata di fotografia live e ritratti, per lei la fotografia è una necessità.