Senzabenza – Pop From Hell

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)
12 Maggio 2017 Rocket Man Records facebook

Attivi fin dal lontano 1992 i “Senzabenza”, gruppo storico del “Flower-Punk” italiano, non sbagliano un colpo. Dopo ben 15 anni di astinenza – a parte un 7 pollici uscito nel 2015 intitolato “Expecially for You”, l’ultimo “Uppers” risale al 2002 –, i nostri tornano con un disco carico di energia.

All’interno del nuovo “Pop From Hell” ogni brano mantiene la consueta capacità di appiccicarsi alle sinapsi; roba che vi ritroverete a canticchiare compulsivamente. Basterebbe il trittico iniziale “London Town”, “A Street Car Named Desire” e la splendida “Do You Wanna To Bring Me Down”, per far innamorare gli amanti del Pop-Punk; un canovaccio che porta sugli scudi le invettive di Ramones e Buzzcocks, qui implementate da certa melodia à la Beach Boys.

Someone” è poi un concentrato delle passioni di “Sebi” – Sebino Filigi chitarra e voce del Gruppo. Parliamo di un’amalgama che vede gli Husker Du incontrare i Buzzcocks; in tal senso, il brano riporta alla mente gli Husker Du del periodo “Flip Your Wig” – ascoltate l’attacco iniziale, e pensate a “Make no sense at all”. Questo non deve stupire, specie se si pensa che gli stessi Husker Du, in svariate interviste, hanno spesso dichiarato il loro amore incondizionato per la musica degli anni ’60: stupenda inoltre la loro cover di “Eight Miles High” dei Byrds.

Del resto, “Pop From Hell” e “She Is Gone Again” sono canzoni che qualunque gruppo Pop-Punk vorrebbe scrivere. La formula 1-2-3 dei Ramones che abbraccia certo Hardcore americano – si pensi a gruppi come Descendents o la loro costola All –, per poi lasciarsi deliberatamente contaminare dall’immensa ondata “Aussie” degli anni 80; il riferimento diretto è agli Hard-Ons, che non a caso condivisero con i Senzabenza, nel lontano 1993, una data in quel di Latina – un concerto entrato nel mito che i presenti ricordando ancora con grande trasporto.

Pop From Hell” è stato registrato senza l’apporto di un bassista stabile, ma utilizzando per ognuno dei sedici brani un musicista militante in altre Punk band italiane – fra le altre, Punkreas, Leeches Latte+ –, scegliendo in primis fra gli amici di vecchia data. Le diverse collaborazioni hanno ognuna apportato qualcosa di personale, donando una maggior profondità e spessore nel suono.

In questi giorni i Senzabenza sono in tour in giro per l’Italia, se vi capita andate a vederli, sono in perfetta forma, i loro live sono tra i migliori del genere.

Data:
Album:
Senzabenza - Pop From Hell
Voto:
41star1star1star1stargray