Boris – Vein (Noise Version)

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:

Ormai lanciatissimi in una prolifera prolificazione di ep, lp, collaborazioni e split, i Boris pubblicano un album a nome ‘Vein’, che però in realtà sono due album diversi con lo stesso titolo: in Europa esce la versione noise, in america quella crust; ci sarebbe quasi da azzardare ipotesi di meta-marketing puntato sull’idiozia dei nerd europei pronti a spendere e spandere per mezz’ora di noise improvvisato su un bellissimo e limitatissimo vinile, e sulla propensione statunitense per la concretezza old school, ma probabilmente non è così, è semplicemente che quando si ha un nome e una totale assenza di confini creativi si possono fare tranquillamente cose come questa: mezz’ora di harsh noise improvvisato, malatissimo magmatico nervoso e cattivo senza alcun perchè se non la voglia di ribadire che “Absolutego lo abbiamo registrato noi, e se ci va facciamo le cose più estreme che ci pare e soprattutto, piace.
Fate conto che se Merzbow fosse tre persone separate e disponesse di strumenti musicali, probabilmente tirerebbe fuori cose di questo genere. Violenza gratuita così è sempre apprezzabilissima.