Lightspeed Champion: Folk all'inglese!

Non smetterò mai di sostenere che l’album di Lightspeed Champion è uno dei più interessanti usciti fin ora, per questo il suo breve tour con tappa a Roma diventa un concerto davvero imperdibile.
Nella piccola cornice del Big-Bang, con il suo palco tanto familiare da poter stare seduti di fronte ad esso durante il gruppo spalla, si esibiscono per primi i Farmer Sea, giovane, affermata e confermata realtà italiana, proponendo un indie – pop fresco è frizzante dai richiami Grandaddy. I 4 hanno un’ottima padronanza del palco e sono pronti per un debutto che fa ben sperare: le canzoni sono non solo orecchiabili quel tanto che basta per affacciarsi in classifica, ma anche arrangiate ottimamente, con ritmi alla Pavement e atmosfere alla Ed Harcout, il tutto condito delicatamente con un’elettronica glitch, di quella che impreziosisce senza stravolgere.
Ottimo set, peccato non essere riuscito a beccarli dopo il concerto… sono rimasto 30 minuti al loro banchetto aspettando che qualcuno si affacciasse per sapere quanto costava il loro, ma niente…
E nel frattempo Lightspeed Champion era praticamente pronto, quindi ho dovuto lasciare il piccolo stand per procurarmi un posto accanto allo stage.

Lightspeed è un tipo particolare: dove lo metti, sta. Qualsiasi sia il palco, la situazione, o anche la band che lo accompagna si trova bene, si sente a suo agio, sembra aver già vissuto in questi luoghi. Accompagnato da un violinista, un bassista, e una batterista, imbraccia la sua chitarra e saluta tutti.
Che tipo! Stretto in un completo super-skinny-fit, con un cappello in testa da clima siberiano, e con una chitarra dall’aspetto vintage sembra uscito dalla macchina del tempo dopo essere apparso e scomparso in più epoche diverse… E in più ha la stessa espressione della sua foto nella cover del disco, una sorta di “non so cosa mi sta accadendo attorno, ma mi piace…”.
Il live è breve, anche se sarebbe potuto andare avanti almeno per un’altra ora. Ascoltando i primi pezzi (Tell Me What Its Worth e Galaxy of the lost) ci si accorge della semplicità e della genialità delle composizioni: ci sono sfumature di Beck, richiami agli Okkervil River, un tocco acustico diretto di chi passa pomeriggi ad arpeggiare con la chitarra e conosce bene i classici del passato, dai Beatles a Cash. Chissà quante ne ha nel cassetto! Davvero molte se durante il concerto già ci parla del prossimo disco!
L’atmosfera è rilassata, e i 4 sulpalco sono davvero in forma, scherzano tra di loro, si scambiando strumenti tra un pezzo e l’altro e, tra una battuta e l’altra, c’è tempo anche per presentare qualche outtake, dai toni più rock e la cadenza più ritmata (come si suol dire, vedi filmato…).
I brani che compongno i 40 minuti del disco scorrono in un attimo, tra vere piccole gemme come Everyone I Know Is Listening To Crunk o No Surprise (For Wendela) Midnight Surprise e improvvisazioni inaspettate, come il tema di star wars suonato “alla weezer”! Il pezzo di chiusura (una Midnight Surprise che sfora abbondantemente i 10 minuti) non sazia però il pubblico che costringe Hynes a tornare sul palco. Lo intravedo nel backstage e ha una faccia stupita, forse non si aspettava tanto clamore per vederlo nuovamente sul palco! Stupito fa anche cenno agli altri di affacciarsi, sono quasi increduli… strano, forse non si rendono davvero conto di quanto hanno suonato bene. In un attimo tornano sullo stage,prendono nuovamente posto e regalano altri 2 inediti, l’ultimo dei quali solo chitarra e voce, quasi a chiarire che è solo una tra le tante idee che Lightspeed riesce a coltivare e portare avanti.
E se la band era stupita per l’ovazione da bis chissà che faccia hanno fatto quando sono usciti! Li vedo mentre mi allontano, circondati dalla folla che firmano le scalette, si mettono in posa per le foto, chiacchierano con i presenti bevendo birra.

Io invece sono di nuovo al banchetto dei Farmer Sea, forse in pochi si sono resi conto del loro valore… Aspetto altri 10 minuti, 15 minuti… non si vede nessuno… E alla fine sono costretto a fare quello che non volevo fare: mi tocca “prendere” l’ep dei 4 senza pagare.
Cari Farmer Sea, ebbene sì, l’ho fatto… ma non è stata colpa mia, ma bensì vostra: siete troppo bravi, vi auguro quanto di meglio può offrirvi la scena musicale italiana.
E vi devo i soldi per il vostro Helsinki under the great snow.

  • edo

    lightspeed champion è davvero geniale, fa delle cose semplici ma allo stesso tempo incredibili, una capacità di composizione non indifferente!!! senza dubbio una delle migliori uscite discografiche dell'anno!

    in verità mi sono piaciuti un casino anche i farmer sea! eheheh e io li ho anche beccati!! due complimenti veloci perchè poveracci si stavano facendo il mazzo a smontare il loro set

  • ma bensì???

  • Scusate la prosaicità delle considerazioni, ma chi è quel tronco di sticchia che sta dietro la batteria?

  • era notevole e burrosa, in effetti.
    ottimo il support-act