Women – Women

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)

Dopo aver rifornito i nostri stereo con il miglior indie pop degli ultimi anni, questa volta il Canada ci regala una band “diversa”. Gli Women sono quattro ragazzi di Calgary, ma fin dai primi istanti di questo esplosivo debutto dimostrano di ispirarsi alle atmosfere della West Coast e, in generale, al glorioso passato della musica statunitense. In questo disco si trovano melodie e intrecci vocali alla Beach Boys, percussioni ossessive, drone psichedelici, rumori grezzi e distorsioni che farebbero sorridere Lou Reed. Il ritmo non è mai forsennato, ma non lascia spazio a cali di attenzione. L’opera potrebbe apparire molto simile nello spirito e nei suoni al debutto di Panda Bear, direte voi. Qui, in realtà, si bada di più al sodo (il minutaggio sfiora la mezzora), mostrando un’urgenza più consona alla giovane band di amici che al maestro del taglia e cuci. La surf music degli anni duemila è questa, signori: rubate qualsiasi cosa a destra e a manca, shakerate, violentatelo a piacere. Punto. Servite il tutto su una base musicale dei primi anni ’60. Sembra semplice, vero? Forse lo è. Ma il risultato, credetemi, può essere davvero elettrizzante: niente di epocale, ma fresco e molto piacevole.