Dodecahedron – Dodecahedron

Acquista: Voto: (da 1 a 5)

Dodecaedrica la forma del cosmo secondo Platone. Un solido cui veniva associata la quintessenza che compone i corpi celesti e l’anima. Ma qui non si tratta di fighissime introduzioni pseudo-matematiche né di t-shirts hipster a layer geometrici, ma di black metal, o meglio di post-black metal: roba piuttosto lontana dalle recensioni di tendenza, dai videoclip e dai giri giusti dell’underground nostrano.

Anzi, spesso si tratta di una scena un po’ troppo chiusa in se stessa, una nicchia di crani in headbanging sotto ad un parterre. Ecco che allora una proposta coinvolgente, lacerante, aggiornata e “aperta” come quella degli olandesi Dodecahedron, all’esordio per Season of Mist, diventa linfa vitale per suggestioni trasversali e per traghettare il genere verso percorsi poco battuti. Da una parte la Francia tritaossa dei Deathspell Omega, dall’altra la Nuova Zelanda urticante degli Ulcerate.
In mezzo un Purgatorio di emozioni contrastanti, sfaccettature pronte a divorare i vostri neuroni. Le atmosfere demoniache del black metal si infittiscono di deliri post-prog, dissonanze spettrali e sospensioni dark ambient. Il minutaggio elevato diventa questione di espiazione. Allfather disorienta, alternando brutalità in doppia cassa e divagazioni post-prog à la Russian Circles, Vanitas procede inizialmente con un arpeggio rassicurante, poi il crescendo di voci penitenti ed un ticchettio molesto dettano il count down alla sfacelo in coda. I, Chronocrator è una vampata brutale ai confini col grind che si conclude in mattanza dissonante e quasi free jazz. La trilogia finale View from Hverfell è un microcosmo esplicativo dell’andamento generale dell’album: stasi ed implosioni, tesi e antitesi, fiamme infernali che si perdono in una coltre rarefatta.

Saliscendi come da copione insomma, ma con un forte senso di claustrofobia alienante: in queste geometrie chiuse e circolari l’unico teorema possibile è quello di Aronovsky, che porta al delirio. La molteplicità di idee in campo necessita sicuramente d’una più matura messa a fuoco (inevitabile qualche manierismo e qualche forzatura), ma il modus operandi degli olandesi promette buone cose. Dodici facce tutte da esplorare con morbosa curiosità: il dodecaedro diventa un hypercube, labirintico e senza via d’uscita. Non resta che perdersi.

  • Stiv

    Forse un po’ troppo matematici e poco originali ma non amle per essere un debutto. Ah anche smaccatamente strizzosi di entrambi gli occhi al nuovo trend black imperante e che ha anche un po’ scassato le balle