Splashh – Comfort

Acquista: Voto: (da 1 a 5)

Sogni di vacanze perdute lasciandosi accarezzare la fronte da cumuli e cirri, abbrustolendosi le piante dei piedi sul duro cemento: camminando nell’artwork, scorgiamo l’estasi catturata dalle forme architettoniche di una costruzione che sembra a stento trattenere il paradiso, tanto da lasciarne intravedere una porzione. Onomatopeici fin dalla ragione sociale,  s’ingegnano perché tutto riconduca alla brezza marina, alla salsedine, all’acre sentore di crema solare: uniche ancore neurolinguistiche in grado, tra qualche mese, di ricondurre la mente in quei luoghi. Australia e Nuova Zelanda da cui attingere l’incontaminata passione per certo Garage-Rock “So Young” – Tra Stems e Radio Birdman Ndr -, Inghilterra a cui addolcire il tanto caro riverbero shoegazeFeels Like You“. Estatici nella forma come il Toro Y Moi apprezzato in “Underneath The Pine“, ed implementati dalla passione per il rock di fine Eighties “Headspins“, – Davvero un ode ai Pixies Ndr -, corrono zuccherini nella notte brava di un soggiorno marittimo, mentre la radio vintage  di quel bar sulla spiaggia riproduce una vecchia cassetta di Brian Wilson .