Ritmo Tribale: arriva la ristampa di “Mantra”

RITMO TRIBALE “MANTRA”

20 giugno 2016 – LP 180 grammi

Spin On Black / Phonopress

ritmo tribale mantra

A 22 anni dall’uscita, “Mantra” risplende di nuova luce grazie al lavoro di rimasterizzazione eseguito dall’ingegnere del suono Marc Urselli e alla grafica curata da Luca “Solo Macello”. L’immarcescibile capolavoro dei Ritmo Tribale verrà pubblicato il 20 giugno da Spin On Black in 180 gr. gatefold, con booklet arricchito da una nuova impaginazione dei testi e foto dell’epoca riadattate alla nuova veste grafica.

Roma, Primo maggio 1994, concertone di Piazza San Giovanni. Quel pomeriggio si sarebbero esibiti alcuni artisti che animavano “il nuovo rock italiano”, come gli addetti ai lavori amavano definire quella scena. Ci sarebbero stati i Negrita, i Rats, i Mau Mau e soprattutto i Ritmo Tribale, quelli che amavo di più. Li seguivo già da un po’ di tempo e avevo preso una bella sberla qualche anno prima con “Kriminale”, il loro secondo album (il brano “Kosì dolce” è sicuramente una delle canzoni che ho ascoltato di più in loop), e poi con il successivo “Tutti vs. tutti”. Quell’anno, i Tribali avevano da poco pubblicato “Mantra”, da me recensito sulle pagine di Raro!, storica rivista di collezionismo musicale con la quale avevo fatto il mio esordio da scribacchino.

Avevo quindi il mio bel pass plastificato, il mio registratore e la ferma intenzione di conoscere la band e di portare a casa almeno un’intervista. E così fu: mezz’ora di chiacchiere con Edda, il carismatico frontman. Praticamente un’intervista nata sull’istante, senza il bisogno di programmare tutto una settimana prima con uffici stampa o manager. Ricordo di aver scambiato anche qualche battuta con gli altri cinque componenti e di averli osservati parecchio mentre aspettavano di salire sul palco. Si avvertiva un forte legame tra di loro, un’atmosfera molto scherzosa. È stato poi bello conoscerli meglio qualche anno dopo, quando mi sono trasferito nella loro Milano per lanciare la rivista Rock Sound, e poter frequentare alcuni di loro anche dopo la fine della band. “Mantra” mi colpì fin dal primo ascolto. Aveva un suono che trovavo magnifico, compatto, era un album ricco di atmosfere che lo rendevano vario. Era rimasta l’urgenza punk degli inizi, ben presente in “Ti detesto II”, ma c’era un’apertura verso sonorità e arrangiamenti più raffinati, come nelle ballate “Sogna” e “Amara”. Con “Mantra”, i Ritmo Tribale erano una band al passo con i tempi. Erano sul pezzo, come si usa dire, erano in linea con alcuni suoni che provenivano dall’estero, come il grunge e il crossover.

Non a caso, un’altra band che ascoltavo molto a quei tempi erano i Faith No More, che due anni prima avevano pubblicato il loro bellissimo “Angel Dust”. “Mantra” racchiudeva tutto quello che amavo dei Ritmo Tribale, ovvero il modo di cantare di Edda al quale si aggiungeva la bella voce di Scaglia (creando spesso intrecci vocali efficaci e paragonabili a quelli degli Alice In Chains), l’elettricità dei suoni e la grinta hardcore dirompente, senza dimenticare l’aspetto melodico che non veniva mai meno. “Mantra” ti arrivava potente in faccia fin dalle prime tracce di apertura (“L’assoluto”, “Madonna”). Ti ribaltava per poi accarezzarti con “Sogna” e di nuovo “centrifugarti” con “Hanno tradito”. E così, brano dopo brano, fino all’ultima canzone. Continua a fare così anche ventidue anni dopo. Era il lavoro di una band che aveva messo a fuoco il proprio stile, probabilmente attraverso un percorso di ricerca iniziato subito dopo “Kriminale”.

I Ritmo Tribale avevano anche affinato la loro scrittura e saputo integrare nel migliore dei modi le tastiere di Talia. Erano inconfondibili, proprio come la foto di copertina: nudi e, forse per la prima volta, uniti anche nel (non) look. Era infine il periodo in cui le major iniziavano a interessarsi al “rock in italiano” e creavano sottoetichette “underground” per firmare anche i vari Casino Royale, Negrita e poi Karma e Scisma. “Mantra” era un disco che rifletteva bene la sua epoca, racchiudeva malessere e sogni, disillusione e voglia di urlare. Per questo lo ascolto ancora spesso e continuo ad amare i Ritmo Tribale. (Daniel C. Marcoccia)

MANTRA

01. Intro

02. L’Assoluto

03. Madonna

04. Sogna

05. Hanno Tradito

06. Sire

07. La mia religione

08. Antimateria

09. Ti Detesto II

10. Amara

11. Buonanotte

12. La verità

13. Il Cielo è Sempre più Blu

14. Il Male

15. Outro

Remixed by Marc Urselli at EastSound Studios.

Reissued by Spin On Black Srl

MARC URSELLI

Con 5 nomination e 3 vittorie ai Grammy Awards, l’ingegnere del suono e produttore Marc Urselli scrive, produce e registra e mixa artisti di fama internazionale sparsi per tutto il mondo. Nel solo 2008 ha registrato e missato più di mezza dozzina di colonne sonore originali per film ed è stato in tour con Lou Reed per 7 anni. Marc Urselli è nato in Svizzera e cresciuto in Italia. La sua educazione musicale è iniziata a 12 anni e a 17 ha aperto la prima sala di registrazione in Italia. Qualche anno dopo si sposta a New York dove continua a lavorare nei leggendari studi di registrazione EastSide Sounds. I giganti con sui si è confrontato occupandosi dei loro lavori vanno da John Zorn (con cui ha fatto più di 50 dischi!), Les Paul, Lou Reed, Laurie Anderson, Sting, Joss Stone, i Beach Boys, Lila Downs, Eric Clapton, Jeff Beck, Mike Patton dei Faith No More, Keith Richards dei Rolling Stones, i Black Crowes, Buddy Guy, Richie Sambora dei Bon Jovi, Johnny Rzeznick dei Goo Goo Dolls, ZZ Top, Sam Cooke, Joe Perry degli Aerosmith, Mick Hucknall dei Simply Red, Luther Vandross, i Simple Minds, Stephen O’Malley dei Sunn O))), Vince Pastano del gruppo di Vasco Rossi e Luca Carboni, Lorenzo Esposito Fornasari aka LEF degli Hypersomniac, Vincenzo Vasi e Asso Stefana di Vinicio Capossela, Enrico Gabrielli dei Calibro 35 e molti altri ancora.

LUCA ‘SOLOMACELLO’ MARTINOTTI

Luca SoloMacello è Art Director, Grafico e musicista. La sua esperienza spazia dal fumetto, all’art direction editoriale per ‘All Music’ magazine. Nel 2005 apre il blog ‘SoloMacello’, che si sviluppa rapidamente in progetti di musica dal vivo, fino all’organizzazione a partire dal 2009 del ‘SoloMacello Fest’. Cura la grafica di molti artisti fra i quali Calibro 35, Ennio Morricone, Shrinebuilder, Freak Valley Fest, Red Fang.

RITMO TRIBALE

I Ritmo Tribale sono nati su una panchina di Piazza Grandi, Fabrizio “Fabri” Rioda, Alessandro “Zero” Zerilli, Stefano “Edda” Rampoldi, Andrea Scaglia e Alex Marcheschi si sono visti durante qualche fredda e nebbiosa serata milanese, riscaldata dalla passione comune per la musica. L’esordio assoluto avviene nel 1987 attraverso uno split in cassetta con il gruppo sperimentale F:A:R: allegata alla fanzine Amen This Is Religgion, legata allo spazio autogestito Virus di via Correggio. Bocca Chiusa (Radio Base 81 Records, 1988) è la prima tappa di un percorso cominciato imparando a suonare insieme. Scaglia dietro al microfono riveste il ruolo di cantante mentre Zero impugna il basso. L’album è una sorta di riscaldamento della durata di 24 minuti per 8 brani di matrice hardcore-energetica. Le cose girano bene e abbastanza velocemente, in formazione arriva il bassista Andrea “Briegel” Filippazzi che permette a Edda di assumere il ruolo di cantante / frontman. Stefano canta i testi di un disco seminale che scaglia il nome della band nella volta del rock italiano. Kriminale (Vox Pop), registrato al Bips di Milano, permette alla band di presentare il disco a New York New Music Seminar, rassegna mondiale di musica indipendente, e successivamente in Germania, Francia, Svizzera, Algeria e Jugoslavia, oltre ad un gran numero di concerti in tutta Italia. L’album fonde, in un equilibrio stabile, hard rock, punk e metal. Collaborano il tastierista Luca Talia Accardi (La città e Guilty) che di lì a breve entrerà in pianta stabile nel gruppo. La recensione più che positiva su Maximum Rock’n’Roll aumenta la loro visibilità. Appena un anno dopo, nel 1991, esce Ritmo Tribale (Vox Pop), mini-LP in cui Talia alle tastiere offre nuovi spunti alle sonorità della band che si avvicinano al crossover e psichedelia con iniezioni di black wave e funk. Tutti Vs.Tutti (Dsb, 1992) modifica l’approccio al songwriting, rinforzato da un’evoluzione sonora che amplia il loro pubblico conseguendo per la prima volta un maggior successo e preparando così il terreno per quello che possiamo definire il cambio di marcia definitivo. Con Mantra (Black Out/Polygram, 1994) i Ritmo Tribale diventano uno dei nomi di punta nel panorama rock italiano. Il disco rinsalda il loro rapporto con i fan ottenendo un buon successo e il plauso della critica. Il lavoro viene distribuito in alcuni paesi Europei (Budapest, e main stage al festival di Dour ’95, in Belgio). Trascinati dal singolo-video Sogna (registrato a Cuba), i Ritmo sono la band più eclettica dello stivale. Il disco è stato accompagnato da un lungo tour di supporto partito dall’Italia e arrivato fino in Europa con ben 150 date. Alla fine del ’95 arriva Psycorsonica, prodotto da Scaglia e Rioda e registrato da Fabio Magistrali alla Jungle Sound Station, i cinque cavalieri del rock suonano selvaggi e forti di nuove vibrazioni sonore per un disco che da molti è ancora considerato la loro punta di diamante. La successiva dipartita artistica di Edda cambia tutto, quello che ne rimane sono i concerti con Scaglia alla voce e Bahamas, canto del cigno che divide pubblico e critica. I fan lo considerarono il disco più oscuro e plumbeo, duro e indigesto, mentre per i detrattori fu il punto di non ritorno. Agli inizi degli anni 2000 il gruppo si scioglie. Nel 2002 viene dato alle stampe il cofanetto Bocca chiusa/Kriminale che contiene le riedizioni dei primi due album. Nel 2007 la band si ritrova per un concerto-evento al Fillmore di Piacenza, nello stesso periodo viene pubblicata una doppia antologia contenente due inediti e intitolata Uomini 1988-2000.

Stefano “Edda” Rampoldi – Voce

Fabrizio “Fabri” Rioda – Chitarre

Andrea “Briegel” Filippazzi – Basso

Andrea Scaglia – Chitarre

Alex Marcheschi – Batteria

Luca “Talia” Accardi – Keyboards

www.facebook.com/Ritmo-Tribale-973357589346838 

www.spinonblack.com

https://www.facebook.com/SpinOnBlackLabel/

info@spinonblack.com

www.phonopress.it

 

Ufficio Stampa – Giuseppe Celano

giuseppe@spinonblack.com