Dome La Muerte E.X.P – Lazy Sunny Day

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)
27 Gennaio 2017 Go Down Records facebook

Che sia Hardcore (CCM), Post-Punk (Not Moving) o Garage-Rock (Dome La Muerte & The Diggers), Dome La Muerte ha segnato il Rock’n’roll nostrano in maniera indelebile. Una storia particolare la sua, che si riallaccia all’esplosione di un suono italico (di genere) osannato nel mondo ma mai completamente consacrato: forse per colpa del poco coraggio dimostrato da parte delle nostre etichette negli anni ’80, colpevoli di aver spesso abbandonato certe formazioni/artisti underground in balia del do-it-yourself.

Dome però è diverso. Crede fortemente in quello che fa e non si lascia intimorire: e come potrebbe uno che ha condiviso il palco con gente del calibro di Nick Cave and the Bad Seeds, Johnny Thunders, Iggy Pop, The ClashHeartbreakers e Fuzztones. Oggi il nostro rinnova il moniker, deciso nel riportare alla luce le influenze manipolate nel suo primo progetto da solista – “Poems For Renegades” (2011). Folk, Psichedelia e Spaghetti Western (le prime due “Never Surrender” e “No Justice“), per una nuova avventura che fin dal titolo – Lazy Sunny Day, ovvero: L.S.D –, mette subito le carte in tavola. Un suono prevalentemente strumentale che cela al proprio interno un’anima psichedelica cosciente: dalla Beat Generation (il Garage-Psych di “Sick City” ) alla religiosità indiana (la combo “Drawing Pink Mandala” / “Divinity“).

Un’ode alla bellezza e a certa spiritualità dell’anima; quella capace di ricondurci all’io più profondo, nel tentativo di comprendere quale sia il nostro ruolo nel mondo e dunque perseguirlo con tenacia. La formazione degli E.X.P comprende Luca Valdambrini (organo, chitarra e cori), Emiliano Giuliani (batteria) e Alessandro Quaglierini (basso e cori). Saranno in tour a partire dal 4 Febbraio, il consiglio è quello di non perderli.