Litfiba – Grande Nazione

Acquista: Voto: (da 1 a 5)

La speranza che l’auspicata reunion di Ghigo Renzulli e Piero Pelù potesse essere foriera di nuove meraviglie discografiche si era già infranta contro due scogli al’altezza del 2010, noti come Barcollo e Sole Nero. Il problema dei Litfiba non era la scissione, ma evidentemente una certa mancanza di nuovi stimoli creativi. Però sai, uno si dice, magari i due vanno in tour, ritrovano lo spirito di un tempo, e magari non tireranno fuori i capolavori del passato, ma qualcosa dalle parti di Infinito poteva anche essere auspicabile? No.

Taglierò corto: ci si aspetta ovviamente che un disco dei Litfiba sia ben suonato e ben prodotto. Oltre a questo però, considerato che ci troviamo davanti al primo LP prodotto in studio dopo la tanto attesa reunion, sarebbe stato giusto pretendere qualcosa di più. E invece con il singolo Squalo, scelto come apripista per la promozione di questo nuovo “Grande Nazione”, siamo dalle parti del  Toroloco, e forse anche un po’ peggio, dato che almeno il Toroloco aveva il crisma del tormentone radiofonico. Chiedo scusa, ma il singolo Squalo presenta delle frasi talmente poco ispirate che anche il fan più incallito dei Litfiba difficilmente riesce a digerire, su una base che è una collezione di luoghi comuni della band. Meglio avviene in Elettrica, dove la classica figura della donna dark, un po’ groupie-sciamana e un po’ eroina è evocata con grazia e onestà. Poi c’è Brado, che a 2:25 ha una zampata niente male (ma poco altro). O ancora La Mia Valigia, che è una ballata morbida, semplice e ben riuscita. Il purgatorio se lo aggiudica la title-track Grande Nazione, che riesce a parlare di attualità con la giusta verve, sarcastica e semplice.

Dall’altra parte ci sono brani come Fiesta Tosta (“il bunga-bu, bunga-bu, bunga-bu si si dà da fare …ah ah ah ! entra nella festa è una fiesta tosta), o Tutti Buoni, che sebbene nelle intenzioni siano giustamente amareggiati per le vicende politiche recenti, finiscono per risultare retorici, fuori tempo massimo e bolsi sia nei toni che nella capacità di analisi e verve provocatoria. Luna Dark è come Sole Nero, una ballad orecchiabile, ma non certo memorabile. Anarcoide non sembra male, finché non arriva la linea “uso la mia testa, sono un rompicoglioni” o ancora “sono pacifista mai masochista, […] sono un libertario/ sto sul mio binario” ed è proprio allora che desideri ardentemente che arrivi Luca Persico a dirti qualcosa di un po’ più vero. Ma è solo quando arriva il ritornello “voglio energia pura energia, contro ogni forma di ipocrisia” e a seguire “due più due farà sempre quattro, ma può fare tre o cinque” che decidi che è ora di tagliar corto e di ammettere quello che sapevi già dall’inizio: i Litfiba sono finiti nel ‘99.

Per cui meglio farsi una bella risata e prendere quello che c’è qui come una cosa al di là del bene e del male. E magari anche andarli a vedere dal vivo, i Litfiba col pilota automatico, con un bel bottiglione di vino, facendo finta che ci sia ancora la Democrazia Cristiana al potere: che il gusto ci guadagna.

  • Giaiger

    Io trovo l’album abbastanza carino e non sono per niente d’accordo sull’articolo.Poi ognuno la pensa come vuole,ma va un po’ di moda dire che i Litfiba sono finiti,ecc..la musica cambia coi tempi e Piero ha 50 anni,Ghigo 60…non si pùo nemmeno pretendere la luna…

  • Giaiger

    Ovvio che Terremoto,17 Re e gli altri album erano un’altra cosa..ma si parla di 20 anni fa e più..non è un capolavoro Grande Nazione,ma non griderei nemmeno allo scandalo..poi ripeto: ognuno la pensa come vuole…

  • Pastaepatate

    Album validissimo. Cazzo dici…
    Bentornati ragazzacci ;-)

  • Stiv

    C’è da dire che a tratti sembra effettivamente un disco dei Litfiba. Per il resto pè un disco semplicemente OSCENO. I testi poi sono di un qualunquismo inqualificabile

  • Cirra

    cazzo dici, un album da mettere a manetta.

  • lasonyno

    pure per me è un disco tamarro che potevano evitare… non si sono sforzati minimamente di rinnovare il loro suono, è tutto fermo ai primi anni ’90 (risulta essere una brutta copia di terremoto con suoni più compressi…). i testi poi sono obiettivamente scadenti… un piccolo bagliore si ha con “elettrica”, ma per il resto è assolutamente prescindibile.

  • Stiv

    più che altro è veramente inutile. Insidia aveva più dignità

  • Pastaepatate

    ficcatelo in culo insidia

  • Giaiger

    Guarda che forse hai capito male..io sono a favore di Grande Nazione! Il discorso è che tanti sono prevenuti e giudicano a priori..

  • SeM

    Non mi dispiace, ma mi aspettavo di più, soprattutto a livelo di liriche.

  • Profondo

    è un bell’album,mi chiedo perchè questa gente faccia recensioni,si vede che non capiscono nulla di musica…ma andate a lavorare…

  • Torre85

    Basta con i soliti populismi …i litfiba nn sono piu gli stessi ecc ecc….questo album è in pieno stile e carica litfibiana!!! sono tornati alla grande e piu carichi che mai!!!

  • Merriot

    sono lo squaloooooahhhh io mangio tutttooooahhhh mangio anche il vuoootooooaaaaa. Ridicoli.

  • Stiv

    che brutto carattere :(
    e comunque sto disco fa cagare
    punto

  • Giaiger

    ..a te e a tanti fa cagare…a me e a tanti piace…c’è un’altra recensione che ho letto che invece parla bene dell’album,a parte Squalo e un altro paio di canzoni,e non dice le solite cazzate del tipo che sono finiti,ecc…va a gusti,come sempre…

  • Anonimo

    Però sai, uno si dice, magari i due vanno in tour, ritrovano lo spirito
    di un tempo, e magari non tireranno fuori i capolavori del passato, ma
    qualcosa dalle parti di Infinito poteva anche essere auspicabile? No.

    DA QUESTO COMMENTO SI EVIDENZIA CHE L’AUTOREE CAPISCA DI MUSICA PRESSOCHE’ ZERO!!!!!!!!!!!!!
    MI CHIEDO COME CI SI FACCIA AD AUSPICARSI QUALCOSA DALLE PARTI DI INFINITO, L’EPISODIO PIU TRISTE DELL’INTERA DISCOGRAFIA LITFIBA…E NON SOLO…ROBBA DAVVERO DA FAR RABBRIVIDIRE!!!!!!INFINITO RAPPRESENTA LA TRASFORMAZIONE DELLA PIU BRANDE ROCK BAND ITALIANA IN UNA POPBAND COSTRUITA A TAVOLINO DAI DISCOGRAFICI!!!!
    SE NON SI HA LA BEN MINIMA IDEA DI CIO PARLI..SAREBBE IL CASO DI NON GUADAGNARSI VISIBILITà CON RECENSIONI CONDITE CON CONCETTI E FRASI SCONTATE ED AD EFFETTO SENZA UN MINIMO DI LOGICA!!!!professionalItà VOTO=zero!!!!
    Per quanto riguarda l’album GRANDE NAZIONE penso che non sia un capolavoro assoluto, ma sia un album di sano rock con qualche leggera caduta e qualche ottimo spunto, un buon album, che si lascia ascoltare ed in piu di un episodio piu che gradevole(giudizio totalmente personale) ma sopratutto con UNA PROPRIA DIGNITA'(a differenza di INFINITO)!!!!

  • Merriot

    …ma un bel corso d’italiano invece? e poi perchè il caps lock? 

  • Ucalcabari

    Litfiba cancellatemi il debitooooo!!!! A Bono e Jovanotti neanche lo chiedo.

  • halloween78

    non ho capito bene…rispetto alla musica di oggi…1?? spero intenda rispetto a gruppi mitici come u2..muse o altri che fanno grandiosa musica..perche oltre i litfiba o forse i negrita in italia non esiste musica..non e mai esistita e finche si darà piu importanza al testo che alla qualita della musica..non esisterà mai.voto personale al disco..9…perche 10 lo do solo a litfiba 3 e a terremoto

  • Genko

    se diamo il voto al testo piuttosto che alla musica allora il voto diventa -3..”lo squalo sono me” eh beh, ma PD