10 cd nel lettore di… Stefania Pedretti [?Alos]

Stefania Pedretti è la compagna artistica di Bruno Dorella negli OvO e ancora prima fondatrice delle Allun. Dal 2009 è uscita con il suo progetto solista, appunto ?Alos con l’album Ricamatrici. L’abbiamo contattata via mail per farci sapere cosa sta ascoltando in questo periodo, in attesa di un nuovo album solista.

Ecco cosa sto ascoltando negli ultimi tempi, sono soprattutto dischi che erano inscatolati da anni o dispersi, e che ora posso finalmente riascoltare dopo l’ennesimo trasloco:

OLD “The musical dimensions of sleastak” (1993)
Un disco che penso mi abbia profondamento segnato, è stato il primo vinile che ho comprato (penso nel 1994) e oggi dopo l’ennesimo trasloco, posso finalmente riascoltare.
Un disco che ascoltato oggi rimane ancora all’avanguardia ed estremo.
La voce di Alan Dubin rimane per me una delle più emozionali e geniali nel panorama noise/metal.

TODAY IS THE DAY ” In the eyes of god” (1999)
Non ascoltavo questo gruppo da anni e non mi ricordavo quanto fossero atipici… un gruppo che ha mischiato Metal/H.C. ma con una voce ultra effettata.

ANGELO BADALAMENTI ” Blue velvet” (1989)
Badalamenti, per chi non lo conoscesse, è colui che ha composto quasi tutti le colonne sonore dei film di Devid Lynch. Penso sia il mio compositore preferito e questa colonna sonora è ricca di momenti contrastanti, da attimi di massima poesia e romanticismo a sonorità ultra cupe, Non so quante volte l’ho ascoltato!

EARTH ” Hex; or printing in the infernal method” (2005)
Earth sono uno dei miei gruppi preferiti. Questo è il loro primo album realizzato dopo almeno 9 anni di silenzio. Ma soprattutto è il disco che ha, per me, rivoluzionato la concezione del doom, Infatti Earth conosciuti per il loro doom e le loro distorsioni, ritornano portando in questo album un doom suonato da chitarre pulite e delicate, suoni che ricorderebbero di più il post rock e  il folk, che il doom. Un album veramente meraviglioso e che sto ascoltando ora.

BIRUSHANAH
Non posso segnalare il titolo perch’è scritto in giapponese. Un gruppo con cui ho suonato nel 2008 a S.Francisco, quindi scoperto per caso. Il disco è un mix di sonorità della tradizione giapponese, ma risuonate in chiave metal/doom. Dal vivo era quasi come vedere uno spettacolo di teatro NO giapponese, ma suonato con il bassista dei mitologici Corrupted. il disco in realtà è ancora più mistico e quasi psichedelico.

WOLVES IN THE THRONE ROOM ” Two Hunters” (2007)
Questo è il mio gruppo black metal preferito, quando ho bisogno di energia, nei momenti in cui sono molto triste o arrabbiata, per tirarmi su ascolto più volte questo album. l’adoro!
In questi giorni poi l’ho ascoltato parecchie volte per farmi ispirare, dato che ero in studio per la preproduzione del prossimo disco OVO

THE RESIDENTS ” God in three person Soundtrack” (1988)
Gruppo leggendario americano. penso sia l’unico gruppo che abbia veramente ispirato il mio gruppo femminile “Allun”…La loro musica rimane per me geniale e sempre innovativa. Li vidi anche dal vivo nel ’97 o ’98 questo album in realtà non lo conosco molto…lo comprai in America anni fa, ed ora è risaltato fuori dalle scatole.

FALL OF EFRAFA “Elil” (2007)
Un gruppo e un album che ho scoperto da breve e che mi ha veramente colpito. un mix di post-rock e black metal, veramente ben suonato ed emozionale.

CARLA BOZULICH ” Evangelista” (2006)
Una della artiste e voci migliori nel panorama della musica indipendente attuale, questo è l’album che me l’ha fatta scoprire. I suoi concerti, poi, sono perle. La prima volta che la vidi a Berlino nel 2008 mi ha fatto rizzare prima le oracchie e poi mi ha stretto il cuore dall’emozione.

NEUROSIS ” Sovereign” (2000)
Chi non conosce i Neurosis…i padri di tutti i gruppi post-metal. Il gruppo preferito in assoluto da me e Bruno Dorella. Ascolto la loro musica almeno una volta a settimana ,e se non capita, è sempre presente nelle mie memorie uditive. Questo album è quello da me più consumato, ascoltato mille volte a casa e utilizzato in molte performance Allun.