Saint James Society – Babylon Rising

Acquista: Voto: (da 1 a 5)

Cimiteri, ossa usate come bigiotteria e aride lande Texane. Nelle foto promozionali sembrano dei novelli Lords Of The New Church, nella sostanza, un grumo d’influenze riassunte nella dicitura: “Pentecostal Desert Glam”, di cui la band si forgia.

Il colore è il nero, come il discorso introduttivo – Refractions, Bab(A/Y)Lon Rising, The Serpentine Highway– capace di riportare alla mente il periodo d’oro del Post-Punk a tinte dark; Ricordate i The Sound di “From The Lions Mouth”? Ecco, prendete il secondo episodio della band di Adrian Borland e caricatelo di psichedelia, possibilmente Eighties.

Tutto semplice direte, macché, nient’affatto, bisogna ancora fare i conti con quel “Desert” di cui sopra e con Blood & Sand, un mammut in lento avanzamento nella notte, roba da Desert Sessions. E la cosa funziona, grazie al clima notturno che permea tutta l’opera e a quel misticismo à la Spacemen 3Ode To The Turquoise Ox”, House Of Snakes” – vero trait d’union fra gli stili. Un debutto di quelli che lasciano il segno.