Thee Fuzz Warr – Emporium & Overdose

Acquista: Voto: (da 1 a 5)

John Dwyer degli Thee Oh Sees come nume tutelare – Thee Fuzz War Overload è infatti un pedale fuzz di sua invenzione –, ed un progetto capace di prendere la Garage music come pretesto per sperimentarci sopra di tutto. Un duo, Il Santo e Pinna, provenienti rispettivamente da Last Killers e Hormonauts che con questo Emporium & Overdose mettono a segno un concentrato di follia lo-fi da far invidia a certe produzioni della In The Red.

Qui, l’anima strafatta di certo Garage-Punk (à la Morlocks) è affittata da un losco figuro tutto whisky e localini fumosi – il Blues. Lui ubriaco, reo d’aver passato tutta la notte a molestare gli Oblivians, se ne sta lì, al bancone del bar, assestando di tanto in tanto un pugno sulla locandina che ritrae la figura di Leighton Koizumi. Ogni aumento di tasso alcolico è proporzionale all’irrobustimento della grana (chitarristica) di un incubo che conserva tutta la visione lisergica insita nella Psichedelia, ma che non disdegna lo sporcarsi le mani con riff peccaminosamente Hard – la doppietta “Trouble“/”Formanta“.

Non c’è redenzione, ne piano fisico/materiale: solo una lunga trafila di anime dannate che non rinnega la propria essenza. Sfilano gioiose, illuminate da Dioniso e dalle danze ruvidamente ipnotiche che permeano le pareti di un sogno in technicolor – “Fuzz Who Have Lost The Warr“.

Data:
Album:
Thee Fuzz Warr - Emporium & Overdose
Voto:
41star1star1star1stargray