Dirtbombs – We Have You Surrounded

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)

Genio non lo è, neanche lo diventerà. Scartate anche la missione “Da Vinci” tanto neanche riesumare lo spirito dell’ uomo d’ingegno potrebbe fare nulla per Mick Collins. Quindi basta con sta storia della fusione di stili. Non corrisponde a verità la diceria secondo la quale, se un pierino qualsiasi (cosa che Mick non è) polimerizza Bo Diddley con Iggy Pop bisogna necessariamente farlo Papa. Poi vi immaginate che faccia? Un mulatto dal fisico tirato a stecca che se ne va in giro arrapato come un diciassettenne per i bordelli più rinomati di Detroit, spacciandosi per The Originator? Rischia grosso.
Questo per per quanto riguarda “Gli intenti”. Poi è chiaro che Mick, fin dai tempi dei Gories ci manda giù di testa con il suo rock, ma accade solo perchè egli risponde continuamente presente alle pulsioni da annoiato urbano che lo attanagliano. Niente di geniale, solo cavernicoli echi che rimbombano nella mente del Collins, sbattono a terra, per poi eruttare passione. ‘We Have You Surrounded’ forse in questo senso rappresenta il picco massimo dei nostri. Personalmente, trovo nel raggio compositivo compreso tra Ever lovin’ man e Wrech my flow il cuore dell’opera Dirtbombs graffiata 2008, e non solo. Lasciate stare l’opener It’s not fun until they see you cry , tanto non ha senso (a meno che non vi troviate rinchiusi in un’istituto psichiatrico mentre leggete questa recensione, e questo sarebbe lodevole da parte dei gestori dello stesso, la cultura innanzi tutto!) sbobinarsi la mente con gli stessi vagiti alienati prodotti dai barboni più teatrali della vostra città. Piuttosto ascoltate i cori “neri” di Every lovin’ man mentre si prendono la responsabilità di impastare quella lametta punk Stoogesiana, della voce di Collins. Rhythm and blues & punk amici per la pelle. Indivisible è un ragazzo di colore ai bordi di una strada buia, sotto all’unico lampione, mentre si fa beffe della città ignaro e sprezzante del pericolo. Sherlock holmes (cover degli Sparks) è il funerale del ragazzo. Dura la vita di città.