Il Pan del Diavolo – Sono all’osso

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:

L’anno scorso li ho sentiti al MiAmi, e per l’anno scorso erano un’ottima band. Ora che invece c’è solo bisogno di essere bravi, ora che ci stiamo tutti guardando in faccia… non che loro non lo siano bravi, ma oltre che bravi hanno quel vizietto della  derivatività che un po’ li penalizza. Siamo stufi di guardare a cose più grosse di noi, a cose lontane da noi. Il rockabilly, il bluegrass, sì ok. Ma io ho bisogno di speranza, non di cliché. Voglio rabbia, non Rino Gaetano – che di certo aveva la rabbia per combattere le sue di battaglie, e non le nostre. Voglio venire rapito, fatto crollare dalla sedia, preso e posto davanti ad una verità che solo con le note e con dei testi si può dire.  Voglio che mi si strappi il cuore. E questo non succede. Ma da una band come questa lo voglio pretendere. Voglio guardare al passato per avere le parole da spendere nel presente, per inventarne di nuove. E qui si cita molto, e si inventa poco. Il gioco è bello, ma un gioco bello dura poco. E qui non si gioca più, in questo paese. I pezzi migliori del disco, secondo il mio modesto parere:

–   Lux Interior . Perché decostruisce i cliché, e su quelle fondamenta costruisce con violenza.

–   Sono all’osso. Perché ha delle tastiere e dei riverberi di chitarra che fanno un gran lavoro sul testo, che creano la giusta tensione, e cavolo se fanno ben sperare per il futuro. Ricordano certe soluzioni roots dei R.E.M. o dei Calexico, ma senza dipendere da loro: se seguiranno la strada battuta da questo brano, per il prossimo disco avremo un capolavoro.

Poi ok. la registrazione è targata Officine Meccaniche, il che come sapete è garanzia di suoni vintage, calore, eleganza e stile. Gli Zen Circus partecipano in un brano, la Bomba nel cuore, perché ovvio che nell’accostamento di folk + rabbia ci colgono le loro stesse radici. I testi  in italiano sono stralunati. Ma forse tutto questo non basta ancora. E spiace anche a me. Attendiamo con ansia passi più decisi, e decisivi.