Edda – Semper Biot

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto: (da 1 a 5)
11 Settembre 2009 Niegazowana Edda MySpace

Semper Biot

L’intimità è sacrale, per ognuno di noi. Nessuno escluso. Ogni uomo ha da sempre remore nel farsi guardare “dentro” fino all’essenza. Ogni maledettissimo essere umano se guardato più a fondo delle budella, si sente così indifeso, così fragile, nudo. Ma è anche vero che soltanto allora,  valicando certe barriere, si può davvero conoscere la reale natura di ogni individuo. E quando un artista decide che è arrivato il momento di spogliarsi dinnanzi al suo mondo, il frutto non può che rivelarsi la copia esatta della sua anima. ” Semper Biot”, così si chiama lo “spirito” che Stefano Rampoldi, in arte Edda , ha deciso di condividere, pubblicare, per la gioia di chi scava a fondo, al di là degli occhi e delle viscere. L’esordio solista, dopo un silenzio di tredici anni e dopo aver dato vita ai Ritmo Tribale nei primissimi anni novanta, si rivela un capolavoro. La perla covata per moltissimo tempo che tutti vorrebbero indossare. Il tutto per mezzo di musiche volutamente scarne, chitarra e archi, che spogliano anche l’urlo di Stefano, ne risulta l’ invito definitivo a sbirciare nel suo interiore una volta per tutte. Un disco da consumare per chi è stufo di fermarsi allo specchio, per chi ha deciso di volersi bene definitivamente.