Brilliant Colors – Again And Again

Acquista: Data di Uscita: Etichetta: Sito: Voto:
19 Luglio 2011 Slumberland Records itsbrilliantcolor.blogspot.com

Hitting Traffic

Finalmente il nuovo/ennesimo gruppo west-coast di post-surf, ispirato al garage, ma anche nostalgico dell’hardcore e sicuramente adagiato nel mercato indie.

Un’ondata che sembra non finire mai (come in tutte le epoche d’oro dei generi), e che lascia spuntare fuori dalla schiuma un rapporto numero di band vs. qualità dai parametri eccellenti.

Atteggiamento punk come Dum Dum Girls e Crocodiles e sguaiatezza stile Wavves e Best Coast. Canzoni uguali a quelle di Happy Birthday, Real Estate e Surfer Bloof. Promesse uguali ai Big Troubles (next big thing del settore).

E allora perché dovrebbero piacere? Semplice: fanno bella musica, in modo onesto e in sacra empatia con il loro pubblico.

Ogni cavallone della nuova ondata ha sue peculiarità. Quella dei Brilliant Colors è l’enfasi della plettrata sbilenca e arrangiata, l’accento sul casino della sequenza di accordi che proietta calore sugli altri strumenti: elementi che segnano il passo di un twist nuovo di zecca, in cui acidi sintetici hanno sostituito la marijuana e la speranza è travestita da modernismo a scapito della finta reminiscenza estatica poggiata sulle macerie di una cultura bigotta anni ’50.

L’effetto trasognante c’è sempre. Ed è il motivo per cui funzionano i Cloud Nothings, i Fiery Furnaces e, ovviamente, questi giovani di San Francisco.

Il suono è cazzuto abbastanza da portarselo al mare o per saltare ad un party in casa. Sotto la soglia del commercialotto alla TheKooks &Co., cosa che rende l’atmosfera molto più intollerante e vicina ad ere di contestazione, DIY e indipendenza nell’accezione più vicina a quella del vocabolario.