Edward Sharpe & The Magnetic Zeros @ Acieloaperto – Cesena, 31-08-2016

Edward Sharpe

Attitudine e visual
Sono in tanti sul palco, sembrano un’orchestra. Sezioni strumentali ben disposte, ordine e morbidezza per un live che ha trovato nella Rocca Malatestiana uno cornice più che perfetta. In breve tempo Alex Ebert Stewart diventa l’unico vero protagonista della serata, con le sue movenze dinoccolate e la sua voce calda e suadente; anche quando biascica o prende un po’ in giro, amabilmente, il suo pubblico. Un pubblico accondiscendente, che gli lascia fare quello che vuole e lo segue fedelmente per tutto il concerto.

Audio
Una scaletta equilibrata, tra brani vecchi e nuovi. Il concerto fila via liscio come un bicchiere d’acqua: certamente la voce del frontman è determinante per dare corpo a canzoni con melodie facilmente afferrabili e inevitabilmente canticchiate da tutti i fans del gruppo.

Pubblico
Un pubblico innamorato, o per meglio dire invaghito della nonchalance con la quale il cantante si muove sul palco, avanti e indietro, con passo felpato, senza esagerare per non spettinarsi troppo, con la sua barba ben curata e le sue scarpette fosforescenti. Tutti contenti quando si sporge a toccare le teste in prima fila: i più temerari non si sono tirati indietro quando il cantante ha ceduto il microfono invitandoli a cantare.

Locura
Alex Ebert Stewart sghignazza simpaticamente tra sé e sé, fa domande nonsense: ci starà prendendo in giro? Ma il pubblico non si offende e risponde, perché lo ama.

Momento migliore


In una linea interpretativa ed esecutiva dei brani che hanno reso il leader del gruppo quello che è, i momenti migliori del concerto sono stati quelli sopra le righe, quei brani che, uscendo dallo schema folk/corale (la hit “Home”, canzone scelta come colonna sonora dello spot di una famosa casa automobilistica nel 2013), gli hanno permesso di farci sentire meglio la sua bellissima voce.

Conclusioni
Un’identità decisamente definita, nessun dubbio sul valore artistico di questo gruppo. Un gruppo che ha saputo ritagliarsi con grande precisione uno spazio e un pubblico riconoscibili, dal 2009 a oggi. Flower power.