Regina Spektor coverizza “Blowin’ In The Wind” di Bob Dylan alla “Women’s March” di L.A

Sabato scorso, le piazze più importanti di tutto il mondo, sono state riempite dai manifestanti in opposizione alle politiche anti-femministe di Donald Trump. Ovviamente fra loro anche tanti musicisti come: le Sleater-Kinney e i The National a Washington, DC e Lily Allen a Londra. Certo che, se sul palco adibito dai manifestanti di Los Angeles sale Regina Spektor (rifugiata anche nella vita reale) le cose cambiano. Infatti, la famiglia della Spektor dovette emigrare dall’Unione Sovietica per sfuggire dilagante antisemitismo.

Sono così grata agli Stati Uniti d’America per aver accolto me e tanti altri” ha dichiarato la Spektor sul palco, aggiungendo: “Siamo tristi, ma non siamo in preda alla disperazione. Siamo scossi. Abbiamo amore, abbiamo fede, abbiamo la luce, e noi abbiamo fiducia nel prossimo“.

Guarda con noi il video della performance.