New Evo Festival @ Offagna (AN) – 13/14/15 luglio 2017

La feconda bellezza: New Evo festival 2017
O di come trasformare una solida eredità storica e culturale in uno spazio di ricerca, aperto alle visioni del contemporaneo

La quinta edizione del New EVO Festival, a Offagna (AN) si è appena conclusa; il piccolo colle a ridosso del borgo medievale che ha ospitato il festival è tornato silenzioso: un solitario balcone sulla campagna marchigiana che spazia dal mare fino alle montagne.

Per spiegare il festival a chi non c’è mai stato, si può raccontare cosa è successo lo scorso venerdì 14 luglio: New Evo è quel contesto in cui una defezione dell’ultimo momento viene riempita da una performance che mette insieme artisti indie contemporanei con il gruppo dei Tamburi Medievali di Offagna.

L’urgenza che – anno dopo anno, nonostante le oggettive difficoltà del territorio – riesce a concretizzare il festival (quest’anno per la quinta volta) è tutta qui: dialogare con la bellezza, ricercare nel patrimonio paesaggistico, storico e culturale una fonte d’ispirazione per visioni nuove e per la vita di una comunità intera, a dispetto della visione più ordinaria secondo la quale i borghi reclusi dovrebbero somigliare a un museo a cielo aperto, reliquie di un passato incompreso.

Come il locus amoenus – pensatoio dell’anima per gli antichi, insomma, ma in chiave contemporanea; lo dimostra l’assoluta freschezza dei nomi che si sono susseguiti sul palco del Colle dell’Acquedotto: i neozelandesi Orchestra of Spheres, Fai Baba, formazione svizzera che si esibiva in Italia per la prima volta, i giovani producer IOSHI e Ckrono, o l’artista giapponese Anchorsong, quest’ultimo che – assieme a Marco dei Dizzyride – ha condiviso il palco con il Gruppo Tamburi di Offagna.

Quest’anno si è aggiunto un nuovo tassello alla progetto dell’evo nuovo. Parliamo dell’arte visiva, incarnata nei poster che hanno tappezzato le vie del paese a partire dalla notte fra io 12 e il 13 luglio, ad opera di sei artisti e illustratori contemporanei: Nicola Alessandrini, Luca BLAST Forlani, Lisa Gelli, Urka, Giulio Vesprini e William Vecchietti.
Nelle parole degli organizzatori, il progetto Meta New EVO, è “un luogo mentale e fisico dove favorire le arti”.

Tutto quello che non ti aspetti visitando le vie silenziose del paese di Offagna, sul quale incombe costantemente la solidità medievale della rocca quattrocentesca, si è dunque concretizzato – anno dopo anno – in New Evo, nel pubblico fedele e in quello che si fidelizza in pochi istanti, preso dalla meraviglia di fronte alla bellezza, alla coesistenza feconda  di antico e contemporaneo.

Testo a cura di Nicoletta FranchiniUfficio stampa New Evo

Gallery a cura di Cristiana Rubbio

 

About Cristiana Rubbio

Romana, ma attualmente vive nelle Marche, anche se gira spesso l’Italia per lavoro, ma soprattutto per ricercare stimoli continui. Si occupa di comunicazione digitale per cui le immagini sono il suo pane quotidiano. Da sempre mattutina, si sveglia presto per correre e ascoltare musica (Spotify addicted). Spesso, però, va anche a dormire tardi per vivere di persona quella buona musica e raccontare i palchi dei club e dei festival del centro Italia.