Music Geek #1


Music Geek è un viaggio nella terra di mezzo dove musica di qualità e sperimentazione artistica si uniscono mediante il web e le nuove tecnologie.

Strimpella la metro di NYC: Conductor

OMG! Lollissimo! Ho esclamato quando ho visto Conductor, in un eccesso di nerdite acuta provocato da cotanta genialità. Ecco infatti un’applicazione che unisce musica, arte concettuale e gli ultimi sviluppi in fatto di programmazione web. Funziona in questo modo:

Partendo dai dati della MTA, società che gestisce la metropolitana di New York, vengono stilizzati i percorsi delle varie linee con diversi colori e velocità calcolata in base alla durata stimata della corsa. Mentre ciò succede, è possibile “pizzicare” le linee facendole suonare come corde di chitarra e producendo varie note. Una delle reti metropolitane più estese e conosciute del mondo diventa così un pentagramma dinamico ed imprevedibile, proprio come la città che la ospita. L’autore di tutto ciò? è  Alexander Chen di Google Creative Labs. Chapeau.

http://www.mta.me/

La filiera corta del folk-rock: Thesixtyone

Ma veniamo a qualcosa di meno estroso ma sicuramente più utile dal punto di vista pratico: thesixtyone si propone come “filiera corta” della distribuzione musicale ed in particolare del buon folk americano, attraverso il claim “new artists make music and listeners decide what’s good”.

Ci troviamo alle prese con una sorta di random jukebox dove un gran numero di artisti mettono a disposizione in streaming i loro pezzi e, al di fuori delle solite logiche discografiche, vendono la loro musica in maniera diretta ai fan. Vantaggio economico e decisionale che già in molti hanno testato utilizzando il proprio sito web, ma che grazie ad una piattaforma funzionale e potente come thesixtyone ottiene decisamente una marcia in più.

http://www.thesixtyone.com/

Il navigar m’è dolce nell’hard rock:
The Map of Metal

 

Dall’utile ci spostiamo al dilettevole (ed educativo) con un’idea che vi farà cotonare i capelli e spuntare un chiodo con le borchie prima che abbiate il tempo di pronunciare AC/DC: The Map of Metal!  Prendete Google Maps, dategli una connotazione hard-rock, sostituendo i continenti e gli stati con altrettanti sottogeneri e voilà: una cartina navigabile che ci guida attraverso l’heavy metal e le sue parentele, come fossimo dei Magellano rock. Contestualmente ascolteremo, grazie all’immenso database di Youtube, alcuni dei pezzi più celebri relativi al genere/paese selezionato. Anche i metallari, sotto quello sdrucito giubbotto di pelle con le borchie, hanno un cuore geek!

http://mapofmetal.com/

Musica online gratis in mobilità: Myousic.me

 

Concludo con un consiglio per chi vuole essere sul pezzo anche “in mobilità” e non sto parlando di disoccupati, ma di smartphone. Con Myousic.me, un app per iPhone (e spero presto anche per Android), potrete ascoltarvi qualunque pezzo vi salti in mente, senza aver bisogno di occupare giga di prezioso spazio. L’applicazione infatti cerca sul web i file indicizzati secondo le tag fornite e ve li fa ascoltare in streaming e ordinare in playlist.

Una sorta di Grooveshark per il cellulare. Occhio, da utilizzare solo con connessione flat.

http://myousic.me/

Per nuovi e mirabolanti aggiornamenti su qualunque cosa possa ridurre a zero la vostra produttività, il vostro sonno o vita sessuale e in generale vi faccia esclamare “cazzo, figata!”, restate sintonizzati su Rocklab! – therocksuckers.com