All posts by Giorgio Pace

Heliocentrics – Out There

Beat come matrice di tutto, il beat come anestetico nelle pose lounge siderali di un disco come ‘Out There’ e

Liars – Liars

Colpevolmente arriviamo a parlare della nuova fatica dei Liars addirittura quattro mesi dopo la sua uscita, dopo che un po’

Battles – Mirrored

La grandezza di un lavoro come quello dei Battles sta nel fatto che puoi cominciare a parlarne già dalla confezione,

M.I.A. – Kala

Mathangi “Maya” Arulpragasam rifugiata inglese figlia di un attivista politico Tamil e ‘Kala’, campionario variegato di sfumature musicali e singoli

Subsonica – Terrestre

Se anche voi siete rimasti fregati dal nuovo singolo dei Subsonica (come me) sappiate che questa recensione si rivolge a

Unsane – Total Destruction

Per tracciare le coordinate di questo lavoro targato 1994 dovremmo immaginare di chiudere Jesus Lizard e Sonic Youth dentro una

Mouthus – The Long Salt

Per il terzo lavoro del combo Mouthus sembra doveroso parlare di destrutturazione, quando con il termine viene inteso un lavoro

Polvere – Polvere

S’abbandonano finalmente alla terra, i Polvere. Non più suonatori di folk ballads folgorati sulla via dell’interpretazione elettroacustica (territorio scosceso e

120 Days – 120 Days

Tangerine Dream periodo “universo der pizzicarolo Mario”, ovvero di quando la Kosmike Music arrivò anche nelle nostre lande desolate a

Be Invisible Now! – Neutrino

‘Neutrino’ risponde a modo suo ai peggiori incubi Carpenteriani: giganteschi Korg che si impadroniscono dei corpi degli umani tramutandoli in