Orodiscopo Aprile 2011: La Lotta e le sue Danze

Per trasformare i vostri auricolari nei più potenti amuleti…


SORCINI [
?]: Il vostro Aprile parla francese, con il nuovo di Yelle, Safari Disco Club (2011). D’altronde ai francesi il safari quantomeno affascina. Basti vedere la collezione 2010 di Louis Vuitton, ispirata ai viaggi in Africa. Volto della campagna è la modella Dree Hemingway. Curioso: ad introdurre la parola swahili “safari” nel linguaggio comune e a farlo diventare una moda fu suo pro-zio, Ernest Hemingway, che dalle sue esperienze in Africa trasse alcuni dei suoi più bei racconti sul confronto dell’uomo con alcuni suoi istinti basilari ed emozioni più vivide. Se davvero hai bisogno di proiettarti dall’altra parte del mondo per sciogliere i tuoi nodi, questo mese, fai un viaggio lontano, oppure prova ad affrontare le giornate come fossero avventure esotiche.


OCCHICHIUSI [
?]: C’è ancora al cinema Il Cigno Nero, ultimo film di Aronofsky, ma noi vi consigliamo di procurarvi la colonna sonora del suo film The Fountain – L’Albero della Vita (2006) scritta, come sempre per i suoi film, da Clint Mansell. Pur non essendo forse il miglior film del regista americano, dice qualcosa su cosa aspettarvi per questo aprile. L’Albero della Vita infatti, oltre ad essere uno degli alberi dell’Eden è anche la sintesi grafico-simbolica della Cabala Ebraica. Per farla breve, comporta 10 entità (dette Sefirot) e tre pilastri, Amore (o Grazia), Forza (o Severità) e la via centrale, e più importante perchè concilia gli altri due della Compassione. Essa va intesa come sentire i sentimenti altrui come fossero nostri. Provate a seguire questa via, per aprile.


ROBINSON [
?]: Sentite che storia dietro il consiglio per voi, Yes Indeed! (1958) dal genio di Ray Charles. Nel disco c’è il brano “I Had A Dream”. Ora, il vero nome di Ray Charles era Ray Charles Robinson (e guardacaso questo segno…) ma decisero di evitare fraintendimenti con il campionissimo di boxe di allora, Sugar Ray Robinson. Anche Sugar Ray aveva avuto un sogno… alla vigilia dell’incontro con Jimmy Doyle per il titolo dei welters, sognò che lo avrebbe ucciso. Spiegò in commissione di essere turbato e chiese di annullare l’incontro. Lo convinsero. Ebbene Jimmy Doyle andò KO all’8a ripresa. Ma non si rialzò più. Dunque, se avete delle sensazioni spiacevoli, per questo aprile, diffidate un po’ più spesso dei consigli e fidatevi del vostro istinto.


SINAPSI [
?]: Sembra che questa volta ci siamo, dopo infiniti annunci non mantenuti ad Aprile arriva finalmente Tomboy (2011) nuovo lavoro di Panda Bear. Per “tomboy” s’intende una tipologia di persona o personaggio, che di sesso femminile, che preferisce adottare ruolo, stili, attività e abiti maschili. Cercando nella cultura moderna esempi di “tomboy” viene in mente Akane Tendo, personaggio del manga Ranma ½ , lottatrice e manesca, inetta in cucina e poco femminile anche se descritta come ragazza carina. Nello stesso manga, giocato su ambiguità e trasformazioni, un altro personaggio chiave a contatto con l’acqua fredda si trasfroma in panda, e può tornare normale solo con acqua calda. Il che non accade solo incidentalmente. Per sfuggire a situazioni imbarazzanti si getta acqua addosso e da panda tira fuori un cartello “Sono solo un innocente panda”. Ad Aprile, ci saranno momenti in cui desidererete anche voi di essere un panda.


SPILLETTA [
?]: Indubbiamente azzeccato per voi il consiglio di portarvi nell’iPod questo mese la colonna sonora di Scott Pilgrim Vs The World (2011). La storia del film se non la sapete è quella del giovane Scott, bassista di una band ambiziosa, che innamoratosi della splendida Ramona, deve sconfiggere i suoi sette malvagi ex se vuole stare con lei, come se fosse un videogioco. Ecco, ad aprile voi Spilletta avrete qualcosa del passato, che pensavate definitivamente passato, da riaffrontare affinchè voi realizziate i vostri obiettivi.


BARBA [
?]: Ristampona di culto per la vostra fortuna, questo Aprile, rispunta un gioiello che era introvabile, Fully Qualified Survivor (1970) di Michael Chapman. Sul sito personale c’è un breve racconto di come iniziò. Una notte di pioggia del 1966, entrò in un pub ma non aveva di che pagarsi da bere. Propose di suonare mezz’ora voce e chitarra in cambio di ospitalità. Ne rimediò un ingaggio per l’estate. E’ per voi Barba un momento di scarsa fiducia in voi, ma la Ghiera Magica vi fa notare che siamo ad Aprile e lontani dalla nebulosa Inghilterra, ci saranno sempre meno giornate di pioggia da cui cercare riparo, quindi è ora che non aspettiate di essere messi in condizione di dimostrare il vostro talento, ma troviate voi l’occasione.


EYELINER [
?]: Esce all’inizio di aprile e non poteva essere che questo il vostro amuleto del mese, ovvero Cherish The Light Years (2011), attesissimo nuovo per Cold Cave. La prima traccia del disco “The Great Pan Is Dead” fa riferimento ad un fatto citato come storico da Plutarco e accaduto sotto l’Imperatore Tiberio. Un voce misteriosa affida al capitano di una nave di annunciare in mezzo al mare che “il grande Pan è morto!”. Quando lo fa si ode un altrettanto misterioso vociare di pianto e sgomento dalla terraferma. Si dice che sia l’annuncio della fine dell’Olimpo, il declino degli dei antichi. Suscitare la paura e la perdita dei riferimenti, era una delle caratteristiche del Dio Pan, da cui viene la parola “panico”. Ad Aprile momenti difficili, di spaesamento, ma passeggeri.


GIACCA [
?]: Una scorpacciata di salsa-muffin con Una Y Otra Vez (2011), nuovissimo album di Sergent Garcia, adatta al primo sole. Bruno Garcia, il Sergente, militava in una band punk e partecipò al clima dei cosidetti “cacciatori di nazi” nella Parigi degli anni ’80, quando il dominio degli skinhead nelle strade si era fatto molto pesante. Un verso di “Chacun son combat” ricorda la controffensiva organizzata, attraverso le gang di punk, hip hop e gente comune di diverse etnie, esperti di arti marziali, grazie alla quale ripresero la zona di Les Halles. Per riconoscersi tra di loro, rubavano i bomber dei nazi durante i raid e li indossavano rovesciati. Dunque, Giacca, per favorire la fortuna, se ad aprile indosserete un qualsiasi indumento rovesciato, la Ghiera Magica vi garantirà un clamoroso successo su coloro che vi odiano.


AVATAR [
?]: Non potete esimervi, proprio voi, dal celebrare la ristampa per il 20esimo anniversario di una pietra miliare come Screamadelica (1991) dei Primal Scream. Non fate gli gnorri, molto, se non tutto, iniziò qui. In Loaded c’è un campionamento di Peter Fonda dal film del 1966 “I Selvaggi” di Roger Corman. L’etica dietro alla frase di Fonda “we just wanna be free”, precursore di Easy Rider, era quella di una alienazione giovanile del 68 che voleva emanciparsi ed essere lasciata edonisticamente in pace da una società considerata marcia, che finiva poi per prevaricare. Oggi probabilmente non potete permettervi di agognare una libertà sconnessa dal contesto sociale, ma vi farà bene già solo dedicarvi a progettare una vacanza vera, che vi faccia annusare questo senso di libertà. Magari in moto.


NICHILISTA [
?]: La Ghiera Magica per il vostro Aprile scova Sorcerer (1977) prima colonna sonora di Tangerine Dream, per il film omonimo di William Friedkin. Il titolo italiano del film fu “Il Salario della Paura”. La storia infatti è quella torbida e ad alta tensione, di un manipolo di disperati che, messi spalle al muro dalla vita, decidono di trasportare su quattro camion un carico di nitroglicerina estremamente volatile, che può esplodere a qualsiasi sobbalzo o vibrazione. Perfettamente in linea con questi tempi di grave crisi lavorativa, vi consigliamo di guardarvi bene dall’accettare di piegarvi a mansioni o impieghi pericolosi o di grave responsabilità, se non siete ancora con l’acqua alla gola.


DISPARI [
?]: In occasione del ritorno in grande stile dei Van Der Graaf Generator, la Ghiera Magica rispolvera The Least We Can Do Is Wave Each Other (1970) per rivisitarne la gesta. In particolare il riferimento è al brano Out Of My Book. Peter Hammill racconta che il brano prende spunto da una particolare frustrazione scolastica, ovvero un libro di esercizi di matematica che non conteneva le soluzioni. La soluzione è nella logica ed è una, ma illogicamente il problema di non averne certezza surclassa emotivamente il quesito iniziale creando angoscia. Per le questioni esistenziali per le quali non è neanche detto esista una risposta esatta il problema si ingigantisce. Agisci, questo mese, come se sapessi esattamente cosa stai facendo.


TRUCE [?]:
Con l’arrivo di un po’ di sole, questa smanicata ci sta tutta: la compilation uscita ad inizio anno Black Hole – Jon Savage Presents Californian Punk 1977-1980.  Prima traccia della selezione dello scrittore Jon Savage è dedicata ai The Germs di Darby Crash. Personaggio cruciale e controverso, passato attraverso diverse identità, ma rimasto fedele ad una propria visione nietzcshiana. Esercitava uno straordinario potere manipolatorio sulle persone del tutto mentale, tanto da avere una propria cricca i Circle One che si facevano fare, solo da lui, un cerchio con una bruciatura di sigaretta sul polso per riconoscersi. Aveva inoltre scientemente pianificato un piano di 5 anni per portare i The Germs al successo, ma morì prima, suicida tramite una dose letale. Per Aprile traete qualcosa dal Nietzsche dei Frammenti Postumi “Imprimere al divenire il carattere dell’essere, è questa la suprema volontà di potenza. Che tutto ritorni, è l’estremo avvicinamento del mondo del divenire a quello dell’essere: culmine della contemplazione”.